Anci Puglia

Reddito Dignita Red 3.0: Lunedì 6 maggio a Bari incontro di approfondimento Regione/Anci

Stampa

Anci Puglia e Assessorato regionale al Welfare promuovono e organizzano per lunedi 6 maggio p.v., alle ore 15, presso la propria sede di Bari,  un incontro di pprofondimento sul nuovo Reddito di Dignità - RED 3.0 approvato dalla Regione. All'incontro parteciperanno: il presidente Anci Puglia Domenico Vitto, il presidente Giunta Regionale Michele Emiliano, l'Assessore regionale Welfare Salvatore Ruggeri, il delegato Anci Puglia al Welfare Pasquale Chieco, la Consigliera politica Presidente G.R. Titti De Simone e la dirigente sezione Inclusione sociale attiva e Innovazione Reti sociali Regione Puglia, Anna Maria Candela. Saranno presenti inoltre gli Ambiti sociali con sindaci, amministratori e funzionari dei Comuni pugliesi.

Di seguito il Programma con il dettaglio degli interventi

ORE 15 - Apertura lavori

  • Domenico Vitto, Presidente di ANCI Puglia - Sindaco di Polignano
  • Michele Emiliano
  • Salvatore Ruggeri, Assessore al Welfare Regione Puglia

 RELAZIONI

  • Pasquale Chieco, Direttivo ANCI, con delega al Welfare - Sindaco di Ruvo di Puglia
  • Anna Maria Candela, Dirigente della Sezione Inclusione Sociale attiva e Innovazione Reti Sociali - Regione Puglia

QUESTION TIME

CONCLUSIONI

 ore 17.00

  • Titti De Simone - Consigliera politica Presidente G.R. per l'attuazione Programma.

Finanza locale: Rinviati a 31 luglio bilanci enti in predissesto colpiti da sentenza 18/2019 Consulta

Stampa

(Anci Nazionale) La conferenza Stato-Città ha accolto le richieste dell’Anci e disposto il rinvio al 31 luglio dell’approvazione dei bilanci preventivi per gli enti in pre-dissesto, interessati dalla pronuncia della Corte costituzionale del 14 febbraio scorso. Nella stessa riunione sono state accolte le altre richieste di proroghe contabili per gli enti dell’Italia centrale colpiti dal terremoto del 2016, che possono essere adottate con solo decreto ministeriale. Nello specifico si tratta della proroga al 30 aprile per la certificazione del saldo finale di competenza, scadenza prevista al 30 marzo; della proroga al 31 maggio per la restituzione dei questionari; della proroga al 30 giugno per il rendiconto di gestione. Sempre su richiesta Anci, ribadito dal governo l’impegno a rinviare con apposita norma la contabilità economico patrimoniale per i Comuni sotto i 5mila abitanti, con l’impegno, assunto da parte del ministero dell’Interno, di dare indicazione ai prefetti di non intervenire nelle more dell’approvazione della norma. “Accogliamo con positività questa ulteriore proroga sugli enti in pre-dissesto – ha commentato il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà – segno che il governo sta lavorando ad una norma da inserire nel decreto che dovrà essere poi convertito in legge dai due rami del Parlamento. Da qui la proroga di due mesi che per quanto ci riguarda servirà ad evitare gli effetti nefasti della sentenza della Consulta e scongiurare una situazione di dissesto per centinaia di Comuni italiani”. Anci ha quindi proposto, per bocca del sindaco di Livorno, Filippo Nogarin un tavolo nazionale sul debito degli enti locali. “In questi giorni – ha rimarcato Nogarin – il dibattito è molto acceso sul debito di Roma. Tuttavia è tutta la situazione debitoria dei Comuni che meriterebbe più attenzione, al di là della dimensione dell’ente coinvolto. Non ci sono Comuni di Serie A e di Serie B ma Comuni che hanno pari dignità, per questo chiediamo che venga aperto con urgenza il tavolo che affronti questo annoso problema. Anci ha una sua proposta da tempo e siamo pronti da subito al confronto”, ha chiosato Nogarin. “Di ottimo risultato grazie ad Anci”, per il rinvio della contabilità economico patrimoniale, ha parlato il vicario dell’Associazione Roberto Pella. “Ora – ha aggiunto – ci aspettiamo che questo adempimento venga definitivamente cancellato così come successo per il bilancio consolidato. E’ assurdo chiedere un onere del genere ai piccoli Comuni, onere che porta più costi che benefici”. Infine sulle proroghe per gli adempimenti contabili dei Comuni, il commento del sindaco di Chieti Umberto Di Primio. “Si tratta di rinvii che consentiranno ai Comuni colpiti dagli ultimi eventi sismici di pianificare con più tranquillità le proprie scadenze contabili. Una boccata d’ossigeno per Comuni e comunità già fortemente colpiti”.

"Antiriciclaggio: indicatori di anomalia e comunicazioni"- Webinar Anci/Ifel il 6 maggio

Stampa

Lunedì 6 maggio dalle 12:00 alle 13:30 si terrà il webinar: Antiriciclaggio: indicatori di anomalia e comunicazioni

ISCRIVITI

La prevenzione dei fenomeni di riciclaggio, finanziamento del terrorismo e frode coinvolge in maniera diretta la Pubblica Amministrazione, anche locale, e si trova da anni al centro dell’agenda europea e nazionale. In questo terzo webinar, parte di un ciclo di seminari online dedicati al ruolo dei Comuni nella prevenzione dei fenomieni di riciclaggio, saranno analizzati alcuni esempi di schede per la rilevazione dei c.d. "indicatori di anomalia" ossia delle connotazioni o dei comportamenti da ritenere "anomali" e potenzialmente caratterizzanti intenti di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo.

Nel webinar saranno approfondite, inoltre, le modalità di comunicazione del soggetto gestore all'Unità di informazione finanziaria per l'Italia (UIF), l'autorità centrale antiriciclaggio istituita presso la Banca d’Italia.

RELATORE

Alessia Adamo - Formatrice e consulente


DESTINATARI

La partecipazione ai webinar è gratuita. I webinar sono destinati prioritariamente al personale di  Comuni, Unioni di Comuni e altre P.A.

ATTENZIONE: per partecipare ai webinar è necessario disporre di una connessione internet a banda larga e di cuffie o casse. Per verificare che il proprio computer sia correttamente configurato per il collegamento alla piattaforma di video-conferenza, prima del webinar è necessario eseguire un rapido test di connessione.

Per maggiori informazioni sui webinar, guarda il videotutorial.

I materiali didattici e le registrazioni del webinar saranno disponibili, dopo il seminario, nella sezione Documenti e pubblicazioni, area materiali didattici dell sito Ifel                                                                                                                         

Per maggiori informazioni consultare la sezione formazione del sito Ifel

 

 

 

Trasparenza: Iniziativa Consiglio Regionale “Reti di conoscenza per la diffusione di buone pratiche in materia di FOIA”. scadenza 30/04/2019

Stampa

Possono partecipare i Comuni pugliesi con popolazione non superiore a 50.000.  Selezione con procedura a sportello, in base all'ordine di arrivo delle manifestazioni di interesse. Domande entro il 30 aprile 2019 all’indirizzo  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..  Avviso e Modello di domanda al link https://bit.ly/2KkPELx 

Il Consiglio regionale seleziona 12 Amministrazioni Comunali, interessate ad attivare un confronto sul tema “trasparenza”, con particolare riferimento al FOIA, di cui all’art. 5 del D. Lgs. 33/13 recante “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”. 

Il progetto prevede degli incontri tematici che si svolgeranno nel periodo maggio – dicembre 2019, durante i quali saranno approfondite questioni interpretative e applicative riguardanti la normativa, con la finalità di creare una rete tra il Consiglio regionale della Puglia e i Comuni interessati, per generare conoscenza sul diritto di accesso civico generalizzato, anche attraverso la condivisione delle esperienze maturate. 

Avviso e Modello di domanda al link https://bit.ly/2KkPELx  

 Le domande dovranno essere presentate entro il 30 aprile all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-  Avviso-selezione-PPAALL-aprile2019.pdf

Modello-domanda-partecipazione.docx

 

Reddito di inclusione (REI): 30 aprile scade termine trasmissione domande nella piattaforma INPS

Stampa

 

Il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, con  la nota del 19 aprile 2019 in allegato, ricorda il termine ultimo per la trasmissione delle domande del Reddito di Inclusione (ReI) alla piattaforma INPS, fissato al 30 aprile 2019. 

Ricorda inoltre che rimane comunque necessario per gli Ambiti territoriali e i Comuni trasmettere, oltre il termine ultimo fissato per la trasmissione delle richieste di beneficio sopra citato, l’esito delle verifiche relative al possesso dei requisiti eventualmente non già indicato, le notizie relative alla presa in carico, nonché le altre informazioni necessarie alla gestione della misura (trasmissione dei modelli ReI-com, revoca, decadenza). 

Vai alla nota del 19 aprile 2019

Luoghi Comuni: Pubblicata mappa degli spazi pubblici che accedono a Programma

Stampa

E on line la prima lista degli spazi pubblici comunali che accedono al Programma "Luoghi Comuni",  iniziativa realizzata dalla Regione Puglia  in collaborazione con Anci Puglia.  Bitonto, Marina Franca, Leverano, Guagnano, Galatone, Tuglie, Spongano, i Comuni che inaugurano la mappa degli spazi pubblici disponibili. Per ciascuno spazio, l'ARTI pubblicherà un Avviso Pubblico per raccogliere proposte delle Organizzazioni giovanili. Le candidature saranno valutate da una commissione di esperti e i vincitori potranno ricevere fino ad un massimo di 40.000,00 euro per realizzare negli spazi le attività proposte.

  “Si apre il catalogo di un’offerta di spazi che adesso aspettano solo di essere riempiti da buone idee proposte e organizzate dai giovani pugliesi”, dice l’assessore regionale alla Politiche giovanili, Raffaele Piemontese.

Sono 8 gli spazi, tra i quali Musei, Teatri, Centri di Aggregazione, Palazzi Storici disseminati su tutto il territorio regionale, che danno inizio alla fase dedicata alle Organizzazioni Giovanili pugliesi, a cui l’iniziativa delle Politiche Giovanili della Regione Puglia si rivolge.  Bitonto, Marina Franca, Leverano, Guagnano, Galatone, Tuglie, Spongano, i Comuni che inaugurano la mappa che si popolerà progressivamente di idee ed opportunità nei prossimi mesi.

Sono disponibili anche le schede dettagliate con descrizioni, foto, piante quotate e forniture;  pronte per dare informazioni a tutti i giovani che vorranno proporre progetti di innovazione sociale dedicati al territorio.
Per ciascuno spazio, l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’innovazione – ARTI pubblicherà, nell’arco di 30 giorni, un Avviso Pubblico per raccogliere le proposte progettuali delle Organizzazioni giovanili.
Le candidature saranno valutate da una commissione di esperti e i vincitori potranno ricevere fino ad un massimo di 40.000,00 euro per realizzare negli spazi le attività proposte.

Luoghi Comuni, grazie anche alla fattiva collaborazione di Anci Puglia, ha fatto registrare una buona risposta da parte dei Comuni.. Da 11 dicembre sono già state attivate 116 candidature di spazi, di cui 54 inoltrate ed in fase di valutazione, 70 Enti hanno aperto un profilo utente, di cui 64 sono Comuni. Gli Enti coinvolti sono: 17 nella provincia di Bari, 12 nella provincia di Foggia, 5 nella provincia di Bat, 11 nella provincia di Taranto, 6 nella provincia di Brindisi, 19 nella provincia di Lecce.

 L’Avviso per la candidatura degli spazi rimane aperto fino ad esaurimento fondi ed i Comuni e gli altri Enti Pubblici che non hanno candidato uno spazio, o organizzato un evento di presentazione, possono ancora attivarsi per contribuire davvero a migliorare il nostro territorio.

Molti altri spazi pubblici sottoutilizzati presenti in Puglia aspettano di essere riattivati e rivissuti dalle comunità e dalle idee delle organizzazioni giovanili. Per Partecipare cliccare qui, per informazioni scrivere allo staff di Luoghi Comuni.

Notizie precedenti inerenti Programma Luoghi Comuni

 

Personale: Il Quaderno operativo Anci sul regolamento degli incarichi di posizione organizzativa

Stampa

Il nuovo contratto offre maggiore autonomia organizzativa agli Enti e la possibilità di valorizzare, premiandola anche economicamente, l'assunzione di responsabilità da parte di quelle figure professionali connotate da autonomia gestionale e alta professionalità

Si comunica che è disponibile on line il nuovo Quaderno operativo  Anci in materia di personale, un approfondimento sul Regolamento degli incarichi di posizione organizzativa e sui Criteri generali di conferimento e sistema  di graduazione della retribuzione di posizione.

Una delle novità contrattuali più significative del contratto collettivo nazionale del comparto funzioni locali 2016-2018, è l’individuazione di un’area delle posizioni organizzative con contorni giuridici molto simili alla dirigenza. Ill nuovo Quaderno operativo  Anci analizza la questione fornendo un modello, esemplificativo e non esaustivo, delle scelte organizzative possibili e finalizzate alla valorizzazione dei nuovi strumenti contrattuali. Ricordando che l’adeguamento alla nuova disciplina in materia di posizioni organizzative va fatto entro il 2O maggio prossimo, il Quaderno Anci sottolinea come con queste nuove posizioni organizzative gli enti locali avranno uno strumento in più per potenziare la componente retributiva delle posizioni organizzative legata al raggiungimento dei risultati. In termini concreti, il nuovo contratto offre maggiore autonomia organizzativa agli Enti e la possibilità di valorizzare, premiandola anche economicamente, l’assunzione di responsabilità da parte di quelle figure professionali connotate da autonomia gestionale e alta professionalità.

Vai al nuovo Quaderno operativo 

“Riduzione impatto ambientale trattamenti fitosanitari su strade, autostrade e ferrovie”: 22-23 maggio a Bari evento formativo Ministero Ambiente

Stampa

Obiettivo della formazione è facilitare l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi (CAM) previsti dal decreto 15 febbraio 2017 per i trattamenti fitosanitari (es. diserbo) di strade e ferrovie. Programma e scheda di iscrizione disponibili cliccando quì

Nei giorni 22–23 Maggio 2019 si terrà a Bari un Modulo Formativo, organizzato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) in collaborazione con Sogesid SPA, dal titolo “Riduzione dell’impatto ambientale dei trattamenti fitosanitari su strade, autostrade e ferrovie”.

L’intervento è parte del Progetto “CReIAMO PA – Competenze e Reti per l’Integrazione Ambientale e per il Miglioramento delle Organizzazioni della PA”, finanziato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (PON) Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020, teso a migliorare la qualità e l’efficacia delle pubbliche amministrazioni nell’attuazione delle politiche ambientali.

Nell’ambito di questo Progetto la Linea di Intervento 1 - WP2 - Azioni specifiche per l’applicazione dei CAM sull’uso sostenibile dei prodotti Fitosanitari è finalizzata ad elevare i gradi di competenza e di conoscenza del personale degli Enti che a diverso titolo concorrono alla definizione delle gare e degli affidamenti per i trattamenti fitosanitari su strade e ferrovie.

Obiettivo della formazione è facilitare l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi (CAM) previsti dal decreto 15 febbraio 2017 per i trattamenti fitosanitari (es. diserbo) di strade e ferrovie.

Scarica programma e scheda dii iscrizione

I piccoli Comuni d’Europa consegnano a Bruxelles la “Dichiarazione di Roma” in vista delle elezioni

Stampa

"Con l'approvazione della Dichiarazione di Roma 'Pensare localmente, agire globalmente' abbiamo voluto sottolineare l'urgenza di pensare ad una integrazione europea più vicina ai territori con una Agenda europea delle città integrata con i Comuni di minore dimensione demografica". Lo ha dichiarato il vice presidente vicario di Anci Roberto Pella durante un incontro tenutosi stamane a Bruxelles al Parlamento europeo con eurodeputati tedeschi, francesi e italiani e, successivamente, con il Segretario Generale del Comitato delle Regioni, durante il quale è stata consegnata la Dichiarazione di Roma.
"L'Europa non può essere data per scontata. Le difficoltà di questi ultimi anni – ha proseguito Pella – mostrano che sono necessarie nuove e più concrete politiche d'integrazione tra gli Stati membri, a cominciare da un sostegno concreto allo sviluppo dei territori più periferici anche a beneficio delle aree più urbanizzate."
La Dichiarazione, esito del congresso organizzato dalla Consulta nazionale Anci Piccoli Comuni lo scorso settembre a Roma, contiene le priorità condivise dai Comuni di minore dimensione demografica d'Europa: dalla richiesta di un maggior coinvolgimento del Comitato delle Regioni ai vertici UE alla proposta che un Commissario europeo sia indicato come responsabile delle relazioni con le autorità locali; dall'attuazione di una cooperazione rafforzata attraverso l'aumento di risorse assegnate ai partenariati tra territori alla promozione dei modelli di intercomunalità che garantiscono qualità dei servizi e sviluppo sostenibile, affinché ogni cittadino di un territorio dell'UE possa beneficiare dello stesso livello di servizi pubblici nonché uguali opportunità di accesso allo studio, occupazione e reddito.

Vai alla Dichiarazione

Sicurezza scuole: Pubblicati decreti per contributi adeguamento antincendio e per le palestre delle scuole

Stampa

L’elenco degli interventi è contenuto nei rispettivi allegati  (Elenco interventi adeguamento antincendio e  Elenco interventi per le palestre), è riportato suddiviso per regione, pertanto, è possibile consultare il foglio del file excel riferito alla Puglia

 

A seguito della registrazione alla Corte dei Conti sono stati pubblicati sul sito del Miur il decreto 13 febbraio 2019, n. 101relativo ai contributi per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici scolastici ed il decreto 11 febbraio 2019, n. 94, relativo ai contributi per le palestre scolastiche.

Con il decreto 13 febbraio 2019, n. 101 ,  viene ripartita tra le regioni la somma complessiva di euro 114.160.000,00, ai fini della concessione di contributi per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici scolastici.
Grazie a questo provvedimento oltre duemila edifici scolastici non in possesso del Certificato di Prevenzione Incendi potranno essere messi a norma ed essere dotati di tale importante e obbligatorio documento. L’elenco degli interventi è contenuto in un allegato  nel quale sono riportati tutti gli interventi finanziati, e  anche  quelli  ancora in  attesa di  essere finanziati, suddivisi per Regione, con indicati gli importi assegnati per ogni singolo intervento. Sono infatti  previsti  contributi  da parte del Miur  fino ad un  massimo  di  50 milioni per le  scuole  del primo  ciclo e  fino ad un massimo  di  70 milioni  per le  scuole  del secondo  ciclo.
Gli enti locali inseriti nell’elenco degli  interventi finanziati, che costituisce parte integrante e sostanziale del decreto, per come individuati dagli specifici piani regionali, sono autorizzati ad avviare le procedure di gara per l’affidamento dei lavori, nei limiti dei contributi ad essi destinati.
Il termine entro il quale devono essere affidati i lavori è stabilito in dodici mesi decorrenti dalla data di adozione decreto 13 febbraio 2019, n. 101 , pena la decadenza dal contributo. Il termine si intende rispettato con l’avvenuta proposta di aggiudicazione dei lavori principali.
Gli  enti locali beneficiari possono  chiedere fino  al  20% del finanziamento  mentre la  restante  somma  può  essere richiesta  solo  successivamente  all’aggiudicazione dei  lavori  e  viene  erogata  a saldo a seguito  dell’avvenuto  certificato  di regolare esecuzione.
Le  economie  di  gara  non sono nelle disponibilità dell’ente  locale e  sono  destinate allo scorrimento  delle graduatorie.
Al fine di monitorare il programma degli interventi, gli enti beneficiari del finanziamento sono tenuti a implementare il sistema di monitoraggio presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, che costituisce presupposto per le erogazioni delle somme, e l’Anagrafe nazionale dell’ edilizia scolastica.

Con il decreto 11 febbraio 2019, n. 94 (inserire  link), viene ripartita tra le regioni la somma complessiva di euro 50.000.000,00, finalizzata al finanziamento di interventi di nuove costruzioni o di messa in sicurezza di edifici esistenti da destinare a palestre e/o a strutture sportive.
Grazie a questo provvedimento, saranno 91 gli edifici scolastici che saranno dotati di una palestra oppure, ove esistente, potranno ottenere un intervento di riqualificazione e messa a norma della stessa.
L’elenco degli interventi è contenuto in un allegato nel quale sono riportati tutti gli interventi finanziati, suddivisi per Regione, con indicati gli importi assegnati per ogni singolo intervento.
Gli enti locali inseriti  nell’elenco, che costituisce parte integrante e sostanziale del decreto, sono autorizzati ad avviare le procedure di gara per l’affidamento dei successivi livelli di progettazione ed esecuzione dei lavori.
Il termine entro il quale devono essere affidati i lavori è stabilito in dodici mesi decorrenti dalla data di adozione del decreto 11 febbraio 2019, n. 94 , pena la decadenza dal contributo. Il termine si intende rispettato con l’avvenuta proposta di aggiudicazione dei lavori.
Gli  enti locali beneficiari possono  chiedere fino  al  20% del finanziamento;  la  restante  somma  può  essere richiesta  solo  successivamente  all’aggiudicazione dei lavori  e  viene  erogata   sulla  base  degli  stati  di  avanzamento dei lavori  o  delle spese  maturate  dall’ente come specificato  nel decreto. Le  economie  di  gara  non sono nelle disponibilità dell’ente  locale e  sono  destinate allo scorrimento  delle graduatorie
Anche in questo caso, al fine di monitorare il programma degli interventi, gli enti beneficiari del finanziamento sono tenuti a implementare il sistema di monitoraggio presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, che costituisce presupposto per le erogazioni delle somme, e l’Anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica.

Consulta i documenti

 

Edifici scolastici: Decreto Miur con ripartizione risorse per interventi (fondo ex Protezione civile)

Stampa

Il Miur, con decreto dell’11/2/2019, ha stabilito criteri di ripartizione delle risorse, pari a 80 milioni di euro, relative alle annualità 2018, 2019, 2020  e 2021, fondo ex Protezione civile D.L. 269/2003,  destinate all’attuazione degli interventi di adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici, nonché la costruzione di nuovi immobili sostitutivi degli edifici esistenti a rischio sismico. La ripartizione è stabilita sulla base degli stessi criteri utilizzati per la programmazione triennale nazionale, così come definiti nell’accordo di Conferenza Unificata dello scorso 6 settembre 2018, da tabella riportata nel decreto.
Le Regioni devono individuare, nell’ambito della programmazione unica nazionale 2018-2020 in materia di edilizia scolastica, gli interventi da ammettere nei limiti delle risorse spettanti, secondo i criteri previsti dal decreto.  Il Miur comunicherà alle Regioni interessate i termini entro i quali devono far pervenire l’elenco degli interventi da finanziare; le risorse destinate a ciascun intervento e gli Enti beneficiari, nonché il termine di aggiudicazione, saranno individuati con successivo decreto del Miur.

Vai al decreto MIur 11/02/2019

Bilanci previsione: proroga a 30 aprile per gli enti in riequilibrio finanziario pluriennale

Stampa

Si informa che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Ministero Interno che proroga al 30 aprile 2019 l’approvazione dei bilanci di previsione 2019-2021, per gli enti locali con procedura di riequilibrio finanziario pluriennale.  

Per i Comuni interessati da eventi sismici (terremoto L’Aquila del 2009, del Centro Italia dal 24 agosto 2016 e dell’area etnea del 28 dicembre 2018), il termine viene ulteriormente differito dal 31 marzo al 30 giugno 2019.

Vai al Decreto 

 

Perequazione risorse comunali e LEP: Documentazione audizione Ifel in Parlamento

Stampa

Segnaliamo che sul sito della Fondazione Ifel è disponibile la documentazione integrale relativa all’audizione Ifel in materia di perequazione delle risorse comunali, Livelli Essenziali delle Prestazioni e autonomia finanziaria delle Regioni in attuazione dell'art. 116, svoltasi il 28 marzo, presso la Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale.

 Nel corso dell’audizione, sono intervenuti Guido Castelli, Presidente IFEL e Sindaco di Ascoli Piceno, e Andrea Ferri, Responsabile Dipartimento finanza locale IFEL.

Vai alla documentazione integrale.

Database comuni

E' online il nuovo database dei comuni pugliesi, consultabile su due livelli accesso: pubblico e avanzato. Per accedere alla versione avanzata è necessario essere iscritti.

Accedi all'area

Effettua il login

Per accedere a tutti i servizi avanzati del sito, è necessario effettuare la registrazione. L'attivazione dell'account verrà eseguita da un nostro addetto, nel più breve tempo possibile.

Effettua il login - Registrati

Collabora al sito

Inviateci testi ed immagini riguardanti i vostri comuni, eventi e manifestazioni, il nostro team provvederà a pubblicarli sul nuovo sito.  L'indirizzo email a cui inviare le notizie è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sei qui: Home News Notizie Anci Puglia