Anci Puglia

Notizie dai comuni


Area dedicata alle notizie che giornalmente riceviamo dai comuni pugliesi. L'email di riferimento a cui inviare le news è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 


 

BARI, 23 settembre: CUS Bari ZeroBarriere 2018

Stampa

Si svolgerà domenica prossima "Cus Bari Zerobarriere - Grand Final Italian Paratriathlon Series - Trofeo Cus Triathlon", la manifestazione sportiva aperta alla competizione di paratleti e normoatleti che, dalla mattina al primo pomeriggio, si sfideranno nelle gare di triathlon e paratriathlon sulla spiaggia di Pane e Pomodoro e sul lungomare di Bari. Appuntamento alle ore 9 per la partenza del triathlon e alle 11 per il paratriathlon.

Paratleti e normoatleti metteranno in campo le proprie specificità e capacità, dimostrando come si possa raggiungere il medesimo traguardo a dispetto delle diversità individuali, psichiche e fisiche. Anche quest'anno testimonial dell'evento sarà Luca Mazzone, campione del mondo e olimpionico di coppia di handbike.

La novità dell'edizione 2018, organizzata dalla cooperativa sociale Zerobarriere in collaborazione con il CUS Bari, è rappresentata dallo spettacolo di danza aerea a cura della coreografa Elisa Barucchieri e della sua compagnia ResExtensa, in programma sabato 22 settembre, alle ore 21, in piazza del Ferrarese, nel corso del quale, per la prima volta, persone con disabilità si cimenteranno nei volteggi di questa straordinaria disciplina.

I dettagli dell'evento sono stati illustrati questa mattina, a Palazzo di Città, dal presidente di Zerobarriere e consigliere del sindaco per l'accessibilità urbana Marco Livrea, dal sindaco Antonio Decaro, dall'assessore regionale allo Sport Raffaele Piemontese, dal presidente del CUS Bari Giuseppe Seccia, dal rettore dell'Università "Aldo Moro" Antonio Uricchio, dal prorettore del Politecnico di Bari Loredana Ficarelli, dal garante dei disabili della Regione Puglia Giuseppe Tulipani, dagli assessori comunali allo Sport, al Welfare, ai Lavori pubblici e alla Culture, Pietro Petruzzelli, Francesca Bottalico, Giuseppe Galasso e Silvio Maselli, dal presidente CONI Puglia Angelo Giliberto, dal presidente FITRI Puglia Claudio Meliota, dal presidente e dal delegato provinciale CIP Puglia, Giuseppe Pinto e Francesco Manfredi, dal presidente Club Rotary Bari Sud Marco Pellegrini, dalla danzatrice aerea e coreografa Elisa Barucchieri e dal presidente e dal referente dell'associazione LeZZanzare, Antonio Garofalo e Alessandro Antonacci.

"Oggi presentiamo la prima edizione di Cus Bari Zerobarriere - Grand Final Italian Paratriathlon Series - Trofeo Cus Triathlon, dopo l'edizione zero dello scorso anno - ha esordito Marco Livrea -. Siamo molto soddisfatti perché, dopo un attento lavoro di comunicazione in tutta Italia, i dati sono in netta crescita: rispetto ai 20 paratleti del 2017, quest'anno siamo a quota 25 per un totale di 225 tra atleti e paratleti. Questa manifestazione sportiva, ad oggi ,è seconda solo a quella organizzata sul lago d'Iseo. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato alla sua realizzazione, e sono tanti: tutti hanno compreso perfettamente l'idea di base dell'evento che si fonda sull'inclusione. Per questo abbiamo pensato a una manifestazione aperta a tutti, persone abili e con disabilità. Il nostro obiettivo non è solo abbattere le barriere architettoniche ma, soprattutto, quelle culturali e sociali. Cus Bari Zerobarriere, quindi, non intende essere un evento sportivo fine a se stesso ma un volano utile a raggiungere altre conquiste, in una città dove al momento sono tanti i progetti in ballo per abbattere le barriere e creare un ambiente che sostenga la forza di persone che hanno necessità di essere messe nelle condizioni di potersi esprimere. Si sta facendo molto in questa direzione".

"Sono particolarmente contento di essere qui oggi perché il tema dell'inclusione sociale è cruciale per il nostro programma triennale - ha aggiunto Raffaele Piemontese -. Crediamo molto nel ruolo che può avere lo sport nel mondo della disabilità, sostenendo diverse iniziative, a partire dalla scuola o dalle periferie urbane, dove il potenziamento delle attrezzature sportive può trasformare i luoghi in incubatori sociali in cui si imparano valori positivi. L'attività sportiva è un potente terapeutico per coloro che hanno problemi di tipo motorio o psichico e rappresenta un investimento pienamente positivo, in quanto accompagna gli sportivi in un percorso di benessere e, allo stesso tempo, ci consente di risparmiare nel medio e lungo periodo dei costi sanitari. Il Comune di Bari, con cui la Regione ha in piedi molte collaborazioni, da questo punto di vista è all'avanguardia".

"Ringrazio Luca Mazzone per essere tornato qui come testimonial di questo evento, e tutti voi per ciò che state facendo per la nostra città- ha dichiarato Antonio Decaro -. Sono davvero molto orgoglioso che questo evento si tenga a Bari per la seconda volta non solo per la portata dell'appuntamento ma anche perché questa competizione fa comprendere a tanti cittadini che, se gli atleti con disabilità riescono a compiere gesti sportivi straordinari, è possibile risolvere tanti altri problemi, magari legati a una malattia, alla paura di non poter superare un esame o alle difficoltà relative al lavoro. Si può fare tutto nella vita, credo che sia questo l'insegnamento più importante di questa manifestazione. Voglio ringraziare in particolare Marco Livrea, non solo per l'impegno profuso nell'organizzazione di ZeroBarriere ma per tutto ciò che sta facendo per l'amministrazione e per la città. Ci ha stimolato a programmare gli interventi, a pianificare il PEBA, a cercare i fondi per l'abbattimento delle barriere architettoniche e, talvolta, anche a rimediare ad alcuni errori commessi. L'aiuto di Marco e di tante altre realtà non consiste solo nella programmazione e nel continuo stimolo a fare meglio ma anche nell'aiutarci a comprendere al meglio le difficoltà di chi convive con la disabilità. Ringrazio anche l'associazione Le Zanzzare che insieme a Marco e a tante altre realtà impegnate per la disabilità, combatte quotidianamente la sua battaglia nell'arena per risolvere i problemi della nostra comunità. Domenica vivremo grandi emozioni e, soprattutto, condivideremo un momento per fare comunità, per creare legami, che è poi l'aspetto più importante di tutti".

L'edizione dello scorso anno ha già prodotto degli effetti concreti: il CUS Bari, con il sostegno dell'Università degli Studi "Aldo Moro", realizzerà percorsi accessibili all'interno del suo impianto non solo per adeguarsi alle normative europee in tema di abbattimento delle barriere architettoniche, ma anche per permettere l'avvio di corsi di parasport, con l'intento di colmare il gap tra Nord Italia e Centro-Sud nell'ambito dell'accessibilità alle discipline sportive.

CUS Bari ZeroBarriere gode del patrocinio degli assessorati allo Sport del Comune di Bari e della Regione Puglia, dell'Università degli Studi "Aldo Moro", di FITRI - Federazione Italiana Triathlon nazionale e regionale, del CONI Puglia, di CIP Puglia e della Fondazione Puglia.

Per ulteriori informazioni e per il programma completo dell'evento barizerobarriere.eu

Monte Sant’Angelo - “XXIV Memorial dedicato ai giudici antimafia Livatino-Saetta-Costa”: al Sindaco Pierpaolo D'Arienzo il “Premio all’impegno sociale 2018”

Stampa

Ieri mattina - martedì 18 settembre - a Spinazzola, il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Pierpaolo d’Arienzo, è stato premiato dal Comitato antimafia Livatino-Saetta-Costa insieme a Matilde Montinaro (sorella del capo scorta di Giovanni Falcone), al Procuratore di Trieste, alle mogli dei fratelli Luciani uccisi lo scorso agosto a San Marco in Lamis, al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e alla cooperativa Agriculture (l’impresa agricola di Acquaviva gestita dagli immigrati a cui sono stati affidati i terreni confiscati alle mafie) tra gli altri.

“È un grande onore ricevere questo riconoscimento” - ha dichiarato il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Pierpaolo d’Arienzo - “Lo voglio condividere con tutti quei colleghi sindaci che quotidianamente sono chiamati a fare scelte ‘giuste’, a lavorare in trincea per il bene e il riscatto sociale delle nostre comunità”.

CORATO:Finanziato progetto per bonifica e messa in sicurezza ex discarica, in arrivo 1.365mila Euro.

Stampa

 

E’ stato finanziato dalla Regione Puglia (Dipartimento mobilità, qualità urbana, opere pubbliche, ecologia e paesaggio – Sezione ciclo rifiuti e bonifiche) il progetto presentato dall’Amministrazione Comunale di Corato in risposta all’avviso Por Puglia Fesr fse 2014720 Asse VI azione 6.2, per la presentazione di domande di finanziamento di interventi per la bonifica di aree inquinate e per la progettazione ed esecuzione di interventi di messa in sicurezza permanente e bonifica di aree contaminate, aree oggetto di discariche abusive, o discariche dismesse di rifiuti.

Il Comune di Corato aveva partecipato all’avviso pubblico con un progetto di fattibilità tecnico/economica riguardante la “Bonifica, messa in sicurezza permanente e ripristino ambientale dell’ex discarica comunale in contrada Maccarone Sant’Elia”: il progetto è stato ammesso e finanziato con una cifra di 1.365.000 Euro.

L’operazione proposta riguarda una serie di importanti interventi in quell’area, che era già stata oggetto di caratterizzazione, ma che aveva bisogno della messa in sicurezza definitiva: per questo sono state programmate anche altre operazioni come la rimozione dei rifiuti solidi speciali superficiali, la messa in sicurezza permanente attraverso il “capping”, la sistemazione morfologica ed idraulica, la realizzazione di un impianto di raccolta e gestione delle acque meteoriche, una serie di opere di contenimento, interventi di riqualificazione e rinaturalizzazione, ed è chiaro che si provvederà a rinverdire l’area e allestirla per futuri utilizzi.

Fra le opere da realizzare anche la ricostruzione sopra suolo, con muretti a secco, opere di ingegneria naturalistica, inerbimento e piantumazione di specie erbacee tappezzanti autoctone, pavimentazione carrabile, con la realizzazione di un impianto elettrico, percorsi di viabilità interna e esterna, aree sosta, e naturalmente ampia cartellonistica per il divieto di abbandono rifiuti.

“Conclusa la caratterizzazione di quel sito, già dal momento dell’insediamento di questa Amministrazione Comunale – spiega il Sindaco Massimo Mazzilli – avevamo fatto presente alla Regione Puglia il bisogno di un intervento di messa in sicurezza definitiva di quel sito, che nel frattempo abbiamo recintato. Abbiamo sempre tenuto molto alle politiche ambientali e abbiamo dunque partecipato all’avviso pubblico dell’Ente, riuscendo ad ottenere questo ulteriore importante finanziamento, che ci permetterà di realizzare quei lavori di bonifica definitiva che offriranno alla Città un nuovo spazio pubblico, in particolare a servizio dellaZona Industriale”.

LOCOROTONDO, 23 settembre: Presenti all'evento Bari Senza Barriere

Stampa

Sarà presente anche una delegazione di Locorotondo alla manifestazione "Bari ZeorBarriere", manifestazione organizzata dal CUS Bari Zerobarriere che si svolgerà domenica 23 settembre 2018 alle ore 9,00 presso il lido Pane e Pomodoro di Bari: una gara di paratriathlon e triathlon per dimostrare che, quando non ci sono ostacoli, tutti possono esercitare il loro diritto all'autonomia e godere della fantastica sensazione di libertà, esprimendo se stessi, le proprie capacità, la propria gioia nel raggiungere un traguardo.

Il mezzo di trasporto per disabili, che il Comune di Locorotondo ha dotazione attraverso il progetto della P.M.G. Italia S.p.A., sostenuto finanziariamente da alcune aziende locali, sarà presente alla manifestazione, per portare un messaggio di solidarietà, collaborazione e fattiva condivisione degli obbiettivi che l'evento si prefigge.

«Abbiamo aderito immediatamente all'iniziativa ed ottenuto la disponibilità dell'associazione Uomo 2000 – ha dichiarato l'assessora alle Politiche Sociali Rossella Pulli la presenza del nostro mezzo a Bari è davvero un riconoscimento del lavoro fatto di concerto con le aziende del territorio che credono in questo progetto e lo hanno sostenuto e che va nella direzione della promozionedel diritto all'autonomia, all'accessibilità, all'uguaglianza».

BARI, Fiera del Levante: APULIAN LIFESTYLE & INNOVATION

Stampa

APULIAN LIFESTYLE& INNOVATION
14 SETTEMBRE 2018


Sala 8 – Centro congressi - 82° Fiera del Levante


PROGRAMMA
Moderatore: Felice Ungaro, Antonio Stornaiolo

10.30 - SALUTI ISTITUZIONALI
Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia

10.45 – APULIAN LIFESTYLE PER IL DISTRETTO ICT SALUTE DELLA PUGLIA
Claudio Stefanazzi, Capo Gabinetto Regione Puglia
Felice Ungaro, Direttore Struttura speciale di Coordinamento Health Marketplace Regione Puglia

11.15 - BIOMATERIALI DISINQUINANTI PER LA GESTIONE RESPONSABILE DEL MARE: EMERGENZA E
PREVENZIONE – LE AZIONI DELLA REGIONE PUGLIA
Daniela Ducato, team assoc. La Casa Verde CO2.0 - Edizero
Marco Cau, ingegnere team di ricerca Agritettura Lab e La Casa Verde CO2.0
Ugo Patroni Griffi, Presidente Autorità Portuale del mare adriatico meridionale
Vito Bruno, Direttore ARPA Puglia

12.00 - SISTEMI E BIOMATERIALI PER LA PROGETTAZIONE RESPONSABILE – LE AZIONI DELLA REGIONE
PUGLIA
Daniela Ducato, team assoc. La Casa Verde CO2.0 - Edizero
Marco Cau, ingegnere team di ricerca Agritettura Lab e La Casa Verde CO2.0
Gianluca Nardone, Direttore del Dipartimento Agricoltura, sviluppo rurale ed ambientale
Angelo Corsetti, Direttore COLDIRETTI Puglia

13.00 - LUNCH SALUTISTICO

14.30 – RI –BICICLARE NELLE NOSTRE CITTA'
Tommaso De Palma, Sindaco di Giovinazzo

14.45 – IL PROGETTO HOSPITALITY NEGLI OSPEDALI DELLA REGIONE PUGLIA
Elio Sannicandro, Direttore Generale ASSET Regione Puglia

15.00 – LA COSTRUZIONE DI UN PERCORSO DI APULIAN LIFESTYLE PER I CELIACI
Vito Bavaro, Dirigente Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere sociale e dello sport per tutti
Michele Calabrese, Presidente regionale Associazioni Italiana Celiachi

CORATO - Vigilanza ambientale: firmata convenzione fra Comune e Guardie Ambientali per l'Italia

Stampa

E’ stata sottoscritta nei giorni scorsi una convenzione fra il Comune di Corato e l’Associazione di volontariato “Guardie Ambientali per l’Italia” con l’obiettivo di collaborare per la conservazione del patrimonio naturale e dell’assetto ambientale sul territorio comunale, dando seguito anche quest’anno alla manifestazione di interesse pubblicate nell’aprilescorso per acquisire la disponibilità di collaborazione da parte di Associazioni di volontariato abilitate proprio in questo particolare settore. 

Il Amministrazione Comunale di Corato per il tramite dell’Assessorato all’Ambiente-Polizia Locale-Sicurezza Urbana, volendo garantire sul proprio territorio il monitoraggio ed il controllo ambientale previsti dalla legge in materia, si avvarrà dunque della collaborazione dell’Associazione di volontariato “Guardie Ambientali per l’Italia” in particolare per supportare il Comando di Polizia Locale e l’ASIPU S.r.l. nelle attività di controllo sugli illeciti in materia di conferimento dei rifiuti (raccolta differenziata) o abbandono, sia all’interno dell’abitato che nelle zone extraurbane.

Le attività che dovranno essere espletate dai volontari, secondo le direttive impartite dal Comando di Polizia Locale ed elencate nella convenzione sottoscritta, sono diverse: vigilare lo stato dei luoghi in relazione ai conferimenti, al fine di segnalare al Comando di Polizia Locale situazioni di abbandono o di non corretto conferimento dei rifiuti; collaborare con il servizio di Polizia Locale per le operazioni in caso di fenomeni di degrado urbano; verificare l’osservanza delle Ordinanze sindacali e dei Regolamenti comunali in materia di conferimento dei rifiuti solidi urbani ed in generale di tutela dell’ambiente e del decoro cittadino, con eventuale segnalazione agli organi competenti per l’attività sanzionatoria; collaborazione con il Servizio Ambiente per la raccolta dei dati e delle informazioni necessarie al monitoraggio sull’ambiente cittadino. 

L’Associazione, svolgerà il servizio di controllo per minimo tre ore giornaliere e tre unità comunque in base alle disposizioni del Comando di Polizia Locale, con tesserino e abbigliamento di riconoscimento.

“Abbiamo messo a frutto, come già in precedenza con il servizio di vigilanza nel Parco Comunale, la Legge Regionale che prevede la possibilità per gli Enti Locali – spiega il Sindaco, Massimo Mazzilli – di utilizzare la collaborazione professionale messa a disposizione dalle organizzazioni di volontariato iscritte negli appositi registri per attività volte alla prevenzione degli illeciti e per l’’integrazione tra politiche di sicurezza e politiche ambientali e territoriali, acquisendo la disponibilità di questa associazione di volontariato cittadina riconosciuta come associazione di protezione ambientale. I volontari opereranno in stretta collaborazione e sulla base delle disposizioni del Comando di Polizia Locale”. 

“Si tratta di un importante apporto di vigilanza riguardo al fenomeno del conferimento illecito dei rifiuti – aggiunge l’Assessore all’Ambiente, Pasquale Tarricone – e per dare nello stesso tempo anche un segnale rassicurante a quei cittadini che invece si comportano secondo le regole e con senso civico”. 

                                                                                              L'Ufficio Stampa

BARI, dal 9 al 23 settembre: “Il mio mondo inquadrato”, prima mostra fotografica di Cinzia Rossi

Stampa

Si inaugura negli spazi del fortino Sant'Antonio domenica 9 settembre, alle ore 18,"Il mio mondo inquadrato", la prima mostra fotografica di Cinzia Rossi.

Nata a Bari e da Bari partita per una vita passata in giro per il mondo grazie alla sua uniforme di assistente di volo, Cinzia Rossi nei suoi scatti racconta dettagli di vita nel mondo, il suo personalissimo mondo: un tango per strada a Buenos Aires, coppie "velate" a Tel Aviv, piccole donne a Teheran e a Kyoto.

L'evento, patrocinato dal Comune di Bari, è realizzato In partnership con le aziende IMT, Gruppo Menelao e Wemakers.

"Sono nata qui - racconta Cinzia Rossi - e da qui sono partita inaspettatamente per un lavoro neanche immaginato. Una vita in uniforme in giro per il mondo. Voglio sempre vedere dove sono e non mi basta mai riempirmi gli occhi di bellezza. E così, decido di inquadrare per fermare il momento, lo spazio, lo sguardo. Le mie non sono foto, sono proiezioni delle mie emozioni a cui ho tentato di dare forma scattando immagini, a volte volutamente sfocate, poco definite. E tutte quadrate.

L'idea di esporle per la prima volta a Bari è nata da un inaspettato ritorno alle origini, a questa terra ancora poco metropolitana ma che, proprio per questo, mi ha consentito di vivere questi ultimi quasi trent'anni portandomi dietro una valigia piena di valori, legami, amore, semplicità. E gratitudine per quello che vivo".

Al fortino in esposizione 80 scatti, tutti quadrati, perché "la forma - dice ancora Cinzia Rossi - esprime l' equilibrio delle mie emozioni".

La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta al pubblico dal 9 al 23 settembre, dalle ore 11 alle 20.

CORATO:Incontro con l’Assessore Giannini e i tecnici Ferrotramviaria Il Sindaco Mazzilli: “Abbiamo chiesto tempi certi sulla ripresa del traffico ferroviario, e risposte sulle opere da realizzare”.

Stampa

 Per fare il punto della situazione sullo stato dei lavori di raddoppio e messa in sicurezza dei binari, propedeutici alla ripresa del traffico lungo le tratte ferroviarie bloccate da più di due anni a seguito del tragico incidente del 12 luglio 2016, si è svolto nei giorni scorsi a Bari, presso la sede dell’Assessorato ai Trasporti della Regione Puglia, un incontro con l’Assessore regionale ai Trasporti Giovanni Giannini ed i tecnici della FerrotramviariaSpA. All’incontro hanno partecipato, insieme agli amministratori delle altre Città interessate, anche il Sindaco di Corato Massimo Mazzilli, accompagnato dall’assessore ai Lavori Pubblici Ing. Salvatore Mattia, ed i vertici dell’Ufficio Tecnico Comunale.

In via preliminare il Primo Cittadino, ha sottolineato che Corato è l’unica Città della tratta ferroviaria che non ha il collegamento ferroviario e “sopravvive” solo col servizio di bus sostitutivi, facendo presente ancora una volta l’enorme disagio con il quale da due anni convive l’utenza cittadina negli spostamenti non solo verso il capoluogo e l’Aeroporto, ma anche delle Città viciniori (in particolare Ruvo di Puglia, soprattutto nel periodo scolastico ormai di nuovo imminente), ha chiesto all’Assessore Giannini e aFerrotramviaria di prodigarsi per riaprire al traffico quel fondamentale servizio di comunicazione dell’area interna del nord barese, chiedendo certezze anche sui tempi previsti che devono necessariamente essere brevissimi.

Ma le questioni riguardanti il Comune di Corato erano anche altre: la realizzazione del parcheggio di scambio nell’area adiacente la Stazione Ferroviaria, e la messa in sicurezza o scavalco del sottopasso di Via Giappone, oggetto già di diversi incontri presso la stessa sede regionale, avvenuto nei mesi scorsi.

“Restiamo in attesa di risposte in tempi rapidi e certi sia per la riapertura del traffico ferroviario in direzione Bari, sia per la definizione delle infrastrutture da realizzare lungo la tratta in raddoppio verso Andria Sud. Certo è che la condizione di vita di studenti e pendolari peggiora ogni giorno di più e questo una Comunità non può più tollerarlo – spiega il Sindaco.”

BITONTO: Il Premio Anno del Patrimonio Culturale 2018

Stampa

La Città di Bitonto protagonista alla Mostra del Cinema di Venezia. È andato, infatti, a Bitonto il Premio Anno del Patrimonio Culturale Migrarti 2018 per aver ospitato le riprese del cortometraggio «Il mondiale in piazza» di Vito Palmieri, prodotto dalla casa bolognese Articolture, premiato quale miglior film nella sezione Migrarti, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali.

Le riprese della pellicola di Vito Palmieri, bitontino trapiantato a Bologna, sono state effettuate nella suggestiva cornice della piazza che ospita la romanica Cattedrale nel cuore del centro antico della città.

Il premio si legge nella motivazione della giuria è stato assegnato a Bitonto "avendo potuto riscontrare un peso determinante e drammaturgico del contesto nel quale è stata allestita la messa in scena e in osservanza a quanto stabilito in occasione dell'anno europeo del patrimonio culturale 2018".

Per il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio "questo riconoscimento sancisce in un contesto di respiro internazionale il valore assoluto del patrimonio culturale della nostra città, che in questi anni, grazie anche al contributo delle suggestioni che il cinema dei nostri giovani e talentuosi registi pugliesi riesce a trasmettere, si sta imponendo non solo in Italia quale meta turistica ricca di storia e fascino".

"A Vito Palmieri – aggiunge Abbaticchiova dunque il ringraziamento mio personale e di tutta la città per aver dato l'occasione di esibire l'immenso patrimonio artistico di Bitonto".

OTRANTO, 10-16 settembre: Otranto Film Fund Festival

Stampa

A partire da lunedì 10 settembre, per sette giorni fino a domenica 16 settembre, il Comune di Otranto ospita la X edizione OFFF - Otranto Film Fund Festival Community Edition. Da quest'anno, il festival otrantino si avvale della prestigiosa direzione artistica dell'attrice Stefania Rocca, che promette una grande festa tra le piazze, le strade e le spiagge della cittadina pugliese. Come ogni anno il Festival promuove e celebra le opere (lungometraggi, documentari, cortometraggi) prodotte con il sostegno dei Film Fund e delle Film Commission e nasce da almeno tre considerazioni: l'importanza dei Film Fund e delle Film Commission dal punto di vista organizzativo, finanziario e delle politiche culturali.

Finanziato dalla Regione Puglia - Assessorato all'Industria Turistica e Culturale (FSC 2014-2020 Patto per la Puglia e FESR-FSE 2014 – 2020 Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche), il festival è realizzato dalla Fondazione Apulia Film Commission in collaborazione con Pugliapromozione e con il patrocinio e contributo del Comune di Otranto.

Questa mattina, presso la Fondazione Ente dello Spettacolo all'Hotel Excelsior a Venezia, è stato presentato il programma della manifestazione alla presenza di Loredana Capone, Assessore Industrie Turistiche e Culturali della Regione Puglia, Felice Laudadio, Direttore artistico del Bif&st di Bari e Presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, Stefania Rocca, Direttore artistico di OFFF, e il Presidente e il Direttore generale della Fondazione Apulia Film Commission, rispettivamente Maurizio Sciarra e Antonio Parente.

Sin dalla sua prima edizione, l'OFFF è stato uno dei festival del cinema sul quale la Regione Puglia e Apulia Film Commission, insieme al prezioso contributo del Comune di Otranto, hanno voluto puntare.

"Otranto e Venezia, Otranto Film Fund Festival e La Biennale, un'occasione ghiotta, in questi giorni di ribalta internazionale, in cui tessere relazioni e dare notizia dell'intrigante e ricco programma che dal 10 al 16 settembre, a Otranto, accoglierà attori, artisti, amanti e "curiosi" del cinema. – dichiara l'Assessore Regionale Loredana Capone - OFFF è uno dei grandi festival della Puglia, un festival che ha saputo guardare all'Adriatico, ai Balcani, ricucendo, attraverso il cinema, quel senso di prossimità di cui oggi avremmo tutti così tanto bisogno. È questo il messaggio di cui si fa portavoce, allora, oggi la nostra regione: a fronte di tutti i muri c'è la Puglia, con il suo manifesto più importante, la sua comunità, la sua capacità di essere sempre accogliente. Ed è proprio la "community" il tema di questa decima edizione del festival diretto da un'artista straordinaria, Stefania Rocca. Il suo è lo sguardo appassionato e attento di chi dall'esterno vuole indagare la vera anima della nostra regione. E non c'è nulla di più attraente della nostra capacità di accogliere, di far sentire a casa anche quando "la casa" è a chilometri e chilometri di cielo. Una vera e propria festa del Cinema all'aperto insomma, in un luogo magico per diritto di geografia e cultura".

Ricordando che OFFF è una manifestazione che caratterizza la fine della stagione estiva di Otranto, che consente attraverso il cinema di conoscere i territori e le diverse culture rappresentate nelle opere in rassegna, il sindaco di Otranto Pierpaolo Cariddi aggiunge: "Siamo giunti alla decima edizione di OFFF, di anno in anno il Festival è cresciuto e per questo decimo compleanno con la Regione Puglia, Apulia Film Commission e il Comune abbiamo voluto fare al territorio, alle nostre comunità, ai turisti che ci raggiungono proprio nei mesi di settembre, sapendo della presenza di questo e altri eventi, un regalo importante affidando la direzione artistica del Festival a Stefania Rocca, che alla tanta bravura e competenza aggiunge anche un amore dichiarato alla nostra terra. L'incontro di comunità che quest'anno OFFF ci propone – continua Cariddirafforza ulteriormente la vocazione secolare di Otranto che nasce, nella notte dei tempi, proprio come luogo di scambio tra i diversi popoli del Mediterraneo. La nostra storia è costruita prevalentemente sugli incontri di genti diverse che a volte hanno preso da noi, altre volte ci hanno insegnato qualcosa, in uno scambio continuo culturale, tecnologico, sociale, economico, che ha consentito a tutti di crescere. OFFF proietta anche nel cinema questo atteggiamento della nostra città, del nostro territorio, della nostra comunità. Ci permette di investire in una cultura che ha la capacità di raggiungere tutti e proprio per questo può avere un ruolo decisivo per farci comprendere l'importanza dell'incontro, dello stare insieme, del sentirsi comunità, per farci comprendere il senso di esistenza che vale la pena di vivere".

Rilevante è anche il coinvolgimento del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, rappresentato dal suo presidente, nonché ideatore e direttore artistico di uno dei più importanti festival italiano come Bif&st di Bari. "A questo importante progetto culturale non poteva mancare il Centro Sperimentale di Cinematografia – dichiara Felice Laudadio-, sia con la sua scuola di cinema, dalla quale proviene la stessa Stefania Rocca, sia con la Cineteca Nazionale che sarà presente con lo straordinario restauro di un film leggendario quale "Ultimo Tango a Parigi" di Bernardo Bertolucci. Importante sarà la presenza a Otranto in questo contesto dei lavori realizzati dagli allievi della scuola di cinema originari di una regione di frontiera culturale come la Puglia".

Anche Antonio Parente, Direttore Generale della Fondazione Apulia Film Commission, sottolinea: "In questi anni "OFFF" ha saputo guardare al mondo, ricucendo attraverso il cinema, il senso di una prossimità foriera di grandi opportunità non solo culturali ma anche economiche. Per questa edizione, inoltre, OFFF ha voluto e saputo rinnovare le sue aspirazioni coinvolgendo come direttore artistico Stefania Rocca, una delle attrici più note e rilevati del cinema italiano, che ha messo a disposizione del festival le sue idee innovative, assieme alla sua indiscutibile professionalità e conoscenza della settima arte e la sua capacità di favorire il senso e le pratiche di nuove e interessanti community".

Entusiasta della scelta del ruolo di direttrice artistica l'attrice Stefania Rocca commenta: "Ho affrontato questo incarico con grande curiosità, perché è l'unica cosa che mi permette di scoprire e non fermarmi alla presunzione di non aver nulla da imparare. Otranto è un piccolo paese sicuramente speciale, il più a Est d'Italia. Proteso verso l'Oriente anche culturalmente, è un luogo che si fonda su una moltitudine di influenze che hanno generato nei secoli tanti esempi di comunità diverse. La rassegna di quest'anno si intitola proprio "Community Edition", per raccontare storie di comunità, ovunque esse siano, includendo le dinamiche del cinema indipendente, che di comunità è fatto".

Il tema del Festival scelto da Stefania Rocca, infatti, è la Community; mostrare le storie e le dinamiche del cinema indipendente, che di comunità è fatto. Durante tutta la settimana OFFF sarà il racconto di una comunità diversa, che si ritrova in una festa del cinema aperta, che accoglie musica, happening ed incontri.

La X edizione di OFFF - Otranto Film Fund Festival Community Edition si inaugura, lunedì 10 settembre alle 18 sulla Spiaggia Madonna dell'Alto Mare, con una veleggiata organizzata dalla Lega Navale di Otranto. Seguirà la presentazione e la proiezione del cortometraggio "Missione mare" girato dagli alunni della scuola secondaria di I Grado dell'Istituto Comprensivo Don Bosco di Cutrofiano.

Nella stessa giornata inaugurale, alle 20.30 sempre sulla Spiaggia Madonna dell'Alto Mare, è prevista la cerimonia di apertura del Festival alla quale interverranno per i saluti istituzionali Loredana Capone (Assessore all'Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia), Pierpaolo Cariddi (Sindaco di Otranto).

Dopo la cerimonia, il Festival entra nel vivo con un omaggio a Charlie Chaplin, straordinario artista capace di raccontare il disagio e le ingiustizie della società industriale e delle classi emarginate. In programma le proiezioni dei film "The Kid" e "The Immigrant", con sonorizzazione orchestrale dal vivo dell'orchestra OLES diretta da Helmut Imig. A seguire, la proiezione del film "Charlie Chaplin, le comiche Keystone" restaurato dalla Cineteca di Bologna, con sonorizzazione eseguite al pianoforte da Daniele Furlati.

COMMUNITY EDITION 2018

Community edition 2018 si propone come un momento di approfondimento sulle prospettive di mercato delle produzioni audiovisive euro mediterranee, nonché sul ruolo che i Film Fund e le Film Commission possono svolgere per il finanziamento e la promozione delle opere a livello internazionale. Per tutta la settimana, infatti, il Festival organizza diverse community con un percorso itinerante all'interno della città di Otranto, con lo scopo di interagire tra loro per creare un dialogo e un confronto: Film Community Edition, Short Edition Community, Filmmakers Summer School Community, Social Music Community.

FILM COMMUNITY EDITION

Dieci i lungometraggi selezionati dalla direttrice artistica Stefania Rocca, membro EFA (European Film Academy), attraverso una lista completa di tutti i film sostenuti dal Film Fund nel biennio 2017 e 2018.

La Giuria del Concorso Lungometraggi "Film Community Edition", presieduta dal regista Alek Keshishian e composta da Tilde Corsi (produttrice e vicepresidente dell'Anica – Associazione Nazionale delle Industrie Cinematografiche), Ennio Fantastichini (attore), Isabella Ferrari (attrice), Matilde Gioli (attrice), Luca Pellegrino (casting director), assegnerà il premio al "Miglior Film", "Migliore Regia", "Migliore Interpretazione", "Migliore Sceneggiatura" e "Migliore Fotografia". Tra i film in Concorso, inoltre, saranno assegnati anche il Premio della Critica attribuito dalla Giuria composta da Luigi Abiusi, Luca Bandirali, Massimo Causo e Silvana Silvestri; il Premio Filmaker School Community al Miglior Film attribuito dalla Giuria composta dagli studenti della Summer School; il Premio Social Music Community per la Migliore colonna sonora "Film Community Edition" attribuito dai giovani musicisti delle Social Music Community.

Il premio di Otranto Film Fund Festival 2018 La torre del serpe è stato ideato dall'attrice Stefania Rocca, direttrice artistica del festival, ed è disegnato e realizzato da Gianni De Benedittis. L'onorificenza riproduce in terracotta la leggendaria torre del serpe che ospita, al suo interno, un elegante serpente gioiello estraibile e indossabile, in argento bagnato oro con rubini e diamanti.

I FILM IN CONCORSO

A partire da martedì 11 settembre, ogni sera sulla spiaggia della Madonna dell'Alto Mare, saranno in programma le proiezioni di tutti i lungometraggi in concorso per la Film Community Edition.
"I Villani" di Daniele De Michele (Italia, 2018), è un film che segue la vita di quattro personaggi che nel loro fare quotidiano rappresentano la sintesi delle infinite resistenze e reticenze ad adottare un modello gastronomico e culturale uguale in tutto il mondo.
"Lazzaro felice" di Alice Rohrwacher (Italia, 2018) è la storia di Lazzaro, un contadino che non ha ancora vent'anni e di Tancredi. È la storia di un'amicizia che nasce vera, nel bel mezzo di trame segrete e bugie.
"More / Daha" di Onur Saylak (Turchia, 2017) racconta la vita di Gaza, un ragazzo turco di quattordici anni, costretto dal padre autoritario ad aiutarlo a introdurre rifugiati in Europa. Una vita di crimini dalla quale Gaza sogna di fuggire.
"Oltre la notte / In the fade" di Fatih Akin (Germania, 2017). La vita di Katja viene improvvisamente sconvolta dalla morte del marito Nuri e del figlioletto Rocco, rimasti uccisi nell'esplosione di una bomba. Danilo, avvocato e miglior amico di Nuri, rappresenta Katja nel processo finale contro i due sospetti: una giovane coppia appartenente a un'organizzazione neonazista. Il processo è un'esperienza durissima per Katja, che però non si arrende.
"Piazza Vittorio" di Abel Ferrara (Italia, 2017) è l'occhio del regista newyorkese che si poggia sul fascino dell'antico splendore di Piazza Vittorio a Roma, che oggi ospita un microcosmo di etnie e classi sociali delle più varie, dai divi del cinema ai clochard.
"Sacrilege / Ierosyloi" di Marsa Makris (Grecia, 2017). I due protagonisti, una donna irrequieta e affascinante e un uomo malato, costretto a letto, si ritrovano ad affrontare una convivenza non idillica, rinchiusi in un appartamento labirintico e decadente, tagliati fuori da un mondo altrettanto decadente e minaccioso, spiato attraverso le fessure delle finestre.
"Son of Sofia / O gios tis Sofía" di Elina Psykou (Grecia, 2017) parla dell'undicenne Misha che ritorna dalla Russia per vivere con la madre ad Atene. Durante i Giochi Olimpici nell'estate del 2004, mentre la Grecia vive il suo sogno olimpico, Misha è proiettato violentemente nel mondo degli adulti.
"The guest Aleppo to Instanbul" di Andaç Haznederoğlu (Turchia, 2017), la storia del viaggio di Lena e Meryem, nel tentativo di fuggire dalla guerra in Siria. Arrivano insieme a Instanbul dove si trovano ad affrontare insieme nuove sfide, abbandonati da coloro che avrebbero dovuto aiutarli.
"The Square" di Ruben Östlund (Svezia-Germania-Francia-Danimarca, 2017). A Stoccolma, nel museo di arte contemporanea c'è grande fermento per il debutto di un'installazione chiamata DzThe Squaredz, che invita all'altruismo e alla condivisione, ma quando al curatore Christian gli viene rubato il cellulare per strada, reagisce in modo scomposto, innescando una serie di eventi che precipitano la sua vita rispettabile nel caos più completo.
"The teacher-Una lezione da non dimenticare/Ucitelka" di Jan Hřebejk (Repubblica Slovacca, 2016) parla dell'insegnate Maria Drazděchová. Dall'aspetto solare e un po' eccentrico, sembra, a prima vista, la professoressa più dolce e rassicurante che un alunno possa incontrare. Vedova di un alto ufficiale comunista, Maria rappresenta, a sua volta, il Partito nella scuola ed è considerata con riguardo dal comitato direttivo.

SHORT COMMUNITY EDITION

È la sezione del Festival che mette in concorso otto cortometraggi prodotti dai centri audiovisivi che appartengono alla Macroregione Adriatico-Ionica, con le migliori produzioni degli anni 2017/2018. La selezione dei cortometraggi è a cura della Direttrice artistica Stefania Rocca in collaborazione con "Quasi cinema distribuzione" una società di distribuzione cinematografica interamente dedicata al cortometraggio. La Giuria della sezione costituita dagli studenti della Summer School, assegnerà al Miglior cortometraggio il Premio Short Community Edition, mentre Quasicinema premierà il miglior corto con la distribuzione nelle sale.

La programmazione, suddivisa in due giornate, propone "Report Albania" tra passato e futuro, in collaborazione con Centro Nazionale di Cinematografia Albanese, e "Different community - Storie di identità e comunità fuori dall'ordinario", in collaborazione con Centro Audiovisivo Croato e Inglese. Per la sezione albanese sono in programma "Plastic flower" di Ylljet Aliçka (Albania, 29'), "Atila (Anija/The Ship)" di Parid Andoni (Albania, 20'), "The poet" di Atina Laço (Albania, 25'), "A day like this" di Suela Bako (Albania, 20'). In concorso, per il focus croato e inglese, sono stati selezionati "Into the blue" di Antoneta Alamat Kusijanović (Croazia, 22'), "London afloat" di Gloria Aura Bortolini (Italia, 29'), "Haircut" di Koby Adom (Gran Bretagna, 14'), "Alien culture" di Iesh Thapar (Gran Bretagna, 15').

FILMMAKERS SCHOOL COMMUNITY

Otranto Film Fund Festival in collaborazione con Apulia Film Commission, Centro Sperimentale di Cinematografia, corso di laurea DAMS (Università del Salento), Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, Barreira Arte – Diseno (Valencia), Hellenic Cinema and Television School Stavrakos (Atene), National Academy for Theatre and Film Art NAFTA (Bulgaria) realizza una Summer school in Filmmaking durante la settimana del festival con allievi provenienti dai propri percorsi formativi. In accordo con le linee guida della Rete dei Festival Otranto Film Fund Festival, con la direzione artistica, si propone di realizzare un'azione formativa della tipologia summer school con la possibilità di confrontarsi con altri allievi e insegnanti provenienti da percorsi audiovisivi differenti. La didattica seminariale della fascia mattutina, suddivisa in due blocchi differenziati (corso base a cura di docenti del Centro Sperimentale di Cinematografia, IULM e DAMS Unisalento, Barreira Arte – Diseno (Valencia), Hellenic Cinema and Television School Stavrakos (Atene), National Academy for Theatre and Film Art NAFTA(Bulgaria) e masterclass di professionisti del settore, è completata dalla partecipazione alle attività del festival nel resto della giornata; i film in programma assumono la funzione di caso di studio e di discussione, e la struttura del festival svolge la funzione di esemplificare il funzionamento dei meccanismi di accreditamento e valorizzazione del prodotto audiovisivo nel circuito dell'industria culturale.

Tra i docenti e i professiori del settore saranno presenti Roberto Perpignani (CSC) che terrà la lezione "Montaggio", Giuseppe Lanci (CSC) la lezione "Fotografia", Franco Piersanti "Musica e immagine", Davide Barletti e Alessandro Contessa "Produzione sostenibile e cinema dei territori", Maurizio Nichetti (IULM e CSC Milano) "Sceneggiatura e regia", Alek Keshishian (regista e Presidente di giuria) "The relationship between scripwriter and direct" (Focus to highlight how to read the screenplay and bring it back to the set), Luca Bandirali (DAMS Unisalento) e Federico Zecca (Università di Bari) "Transmedia Storytelling", Vito Mancusi (CSC) "Recitazione metodo Meisner", Mirella Bordoni (CSC) "Metodo Costa", Eljana Popova (CSC) "Metodo Stanislawsky", Gianni Canova (IULM) "Critica e Scrittura", Pippo Mezzapesa (regista) Fabio Pollice (Unisalento scuola di Placetelling) Angela Bianca Saponari (Università di Bari) "Placetelling®".

SOCIAL MUSIC COMMUNITY

Il progetto musicale SOCIAL MUSIC COMMUNITY ideato in occasione del festival OFFF 2018 diretto da Stefania Rocca, prevede il coordinamento artistico di Raffaele Casarano con il supporto del Locomotive Jazz Festival. La musica, come linguaggio universale, può e deve poter connettere le persone di culture e razze diverse; fare comunità attraverso la musica e integrarsi in altre community così come avviene nel cinema per creare una nuova forza e una nuova magia anche nella realtà quotidiana. I musicisti coinvolti (Marco Massa Trio, Luca Amato - voce, chitarra, Simone Invidia – basso, Luca Congedo – batteria, Sofia Rollo - voce, Diego Vergari - sax, Nicolò Gambino – chitarra, Cecilia Costa – voce, Sofia Cocciolo – voce, Desireè D' Amuri – voce, Gabriele Cioni - chitarra) animeranno le vie del centro di Otranto in alcuni bar con concerti a tema, durante i quali durante si potranno degustare aperitivi 'made in Puglia-Salento'.

Questa sezione dedicata alla musica si concluderà l'ultimo giorno con una sonorizzazione in spiaggia realizzata da tutti i musicisti che hanno preso parte alla call del progetto, formando una band unica diretta da Raffaele Casarano (sax), Mirko Signorile (pianoforte) chiamata "Social Music Community", dove pubblico e artisti sono protagonisti dello stesso suono.

I musicisti del progetto sono anche i componenti della giuria che assegnerà il Premio Social Music Community alla Miglior colonna sonora tra i film in concorso nelle Music Film Community.

EVENTI SPECIALI
"ULTIMO TANGO A PARIGI"

In collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia (Presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma Felice Laudadio) e nell'ambito della Filmmakers School Community, martedì 11 settembre all'interno del Castello Aragonese di Otranto, sarà proiettato la copia restaurata del film "Ultimo tango a Parigi" di Bernardo Bertolucci (Italia, 1972). Il restauro del film è stato realizzato da CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con Grimaldi Film Productions e Metro-Goldwyn-Mayer Studios, a partire dai negativi originali messi gentilmente a disposizione da Metro-Goldwyn-Mayer Studios. Il film è stato scansionato a 4K 16bit presso il laboratorio Prasad Corporation di Los Angeles e, poi, restaurato digitalmente presso il laboratorio Fotocinema di Roma. La correzione del colore è stata eseguita presso il laboratorio LaserFilm di Roma sotto la supervisione di Vittorio Storaro, autore della fotografia del film, nonché ex allievo del Centro Sperimentale di Cinematografia, che è stato lieto di curare personalmente, a titolo amichevole, questo restauro. Il restauro del suono è stato supervisionato da Federico Savina e realizzato presso il laboratorio del CSC-Cineteca Nazionale. Il lavoro di restauro ha interessato sia la versione originale del film, in inglese e francese, che è stato proiettato in anteprima al Bif&st di Bari con sottotitoli in italiano, sia la versione italiana, distribuita nelle sale. La trascrizione del sonoro originale è stata fornita da Metro-Goldwyn-Mayer Studios, quella del sonoro italiano da Grimaldi Film Productions e dal laboratorio Studio Emme di Roma.

MARATONA WOMEN IN RUN

Women in Run è una maratona, voluta fortemente dalla direttrice artistica Stefania Rocca, tra le vie di Otranto per il ribadire il "No alla violenza sulle donne". Una maratona dove sono invitati a partecipare anche gli uomini, tutti insieme per le strade di Otranto vestiti di rosso. La maratona è un'iniziativa realizzata in collaborazione con Action Aid, Women In Run e Check-up Centre.

NUCITI LI STANATI

Il dj economista di origine otrantina, appassionato di gastronomia, venerdì 14 settembre nella piazzetta Chiesa dell'Alto Mare, terrà uno speciale Cooking djset "Nuciti li stanati". Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare e a portare cibi tradizionali da condividere in questo speciale appuntamento.

CONCERTO ALL'ALBA: L I M & HÅN

In collaborazione con Rolling Stone e Puglia Sounds, domenica 16 alle 4.45 sulla Spiaggia dell'Alto Mare, è in programma il concerto di chiusura della decima edizione di OFFF-Otranto Film Fund Festival-COMMUNITY EDITION. Le protagoniste del concerto all'alba sono L I M & HÅN, musica elettronica tutta al femminile. L I M è il progetto solista della musicista Sofia Gallotti nato nei primi mesi del 2014 a Edimburgo e cresciuto anche grazie all'incontro milanese con il produttore e collaboratore RIVA. L I M lega spazi intimi e riservati ad atmosfere esistenzialiste e sognanti. HÅN, cresciuta in un piccolo paese sul Lago di Garda, ha invece conquistato pubblico e critica con un sound in bilico tra dream-pop ed elettronica dal sapore internazionale.

L'OTRANTO FILM FUND FESTIVAL COMMUNITY EDITION è un'iniziativa finanziata dalla Regione Puglia - Assessorato all'Industria Turistica e Culturale (FSC 2014-2020 Patto per la Puglia e FESR-FSE 2014 – 2020 Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche) e realizzata dalla Fondazione Apulia Film Commission in collaborazione con Puglia Promozione e con il patrocinio e contributo del Comune di Otranto.

Il Festival è in collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia, OLES - Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento -, Corso di laurea DAMS (Università del Salento), Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, Barreira Arte – Diseno (Valencia), Hellenic Cinema and Television School Stavrakos (Atene), National Academy for Theatre and Film Art NAFT (Bulgaria), Quasi Cinema, ACTION AID, Check-up Centre, Rolling Stone, Puglia Sounds, Women in run, Action aid, Check up center.

Si ringrazia: Menhir Salento, Quarta caffè, Futuro Remoto gioielli, C-Beach sunset music, Di Bolina Cafè, Lega Navale Italiana sez.Otranto, Beverage adriatica, Il Moresco, La Castellana, Carofalo, La Vigile security service, Borgo delli santi, Laffaccio, Masseria Montelauro, Caffè Sud est, Tenuta Centoporte, Borgo delli Santi.

Ufficio Stampa OFFF: Sara Valentino Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 339 4648770
Ufficio Stampa Apulia Film Commission: Nicola Morisco Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio Stampa Comune di Otranto: Valentina Vantaggiato Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 339 2261678

LOCOROTONDO: Calendario 2019 pronto il Disciplinare per il Concorso Fotografico

Stampa

Ritorna il concorso fotografico per la realizzazione del Calendario dell'Amministrazione Comunale di Locorotondo. Si è giunti alla V edizione e il tema scelto per il 2019 è "Locorotondo ed i giochi di luce".
Il concorso si rivolge ad appassionati di fotografia, professionisti e amatoriali, affezionati alla realtà locorotondese. Negli anni scorsi si è dato spazio, attraverso i temi scelti, ai colori, alla campagna ed al centro storico. In questa edizione il tema scelto è "Locorotondo ed i giochi di luce": le immagini devono avere come tema principale i giochi di luce che sul territorio di Locorotondo, riconoscibile nelle fotografie in concorso, è possibile fotografare.
Ogni autore può partecipare con un massimo di tre foto, in tecnica digitale formato minimo 300 d.p.i. , in formato.jpg. Le foto dovranno essere inviate ad entrambi gli indirizzi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 12,00 del 27 settembre 2018, unitamente al disciplinare, sottoscritto e datato, accompagnato dalla copia di un documento di identità.
L'invio deve contenere due file per ciascuna fotografia: una riportante la firma dell'autore ed una senza, per evitare che in fase di pubblicazione delle stesse ai fini della votazione, si debba intervenire per eliminare la firma. Inoltre, in caso di pubblicazione sul calendario, l'organizzazione sarà già in possesso delle foto con firma dell'autore.

Tutte le foto pervenute saranno pubblicate sulla pagina facebook dell'Ufficio Stampa del Comune. Si potrà votare fino alle ore 10,00 di martedì 30 ottobre 2018.
La fotografia che avrà ottenuto il maggior numero di "mi piace" sarà la vincitrice del presente concorso e riceverà il premio messo in palio dall'Amministrazione Comunale. Le tre foto che avranno ricevuto il maggior numero di "mi piace" saranno quelle che verranno utilizzate nelle manifestazioni ufficiali del Comune di Locorotondo per il 2019.
Il Calendario 2019 verrà realizzato con la foto vincitrice del concorso e, attraverso il giudizio insindacabile di una giuria composta da esperti, dalle altre foto presenti in concorso.

«Come ogni anno grande è l'attesa per questo concorso – ha dichiarato l'assessora al Turismo e Cultura dott.ssa Ermelinda Prete- Poche le novità, tutte relative a migliorare l'organizzazione e la gestione del concorso, che mira a trovare le foto più rappresentative di Locorotondo per il 2019, grazie allo sguardo innamorato di coloro che amano il nostro paese e lo fotografano ad ogni preziosa occasione. Della Puglia molti registi e direttori di fotografia apprezzano la luce: ecco perchè il tema scelto quest'anno. I giochi di luce che il nostro territorio offre unitamente alla bellezza del nostro borgo creano certamente un connubio magico che gli appassionati di fotografia, sono certa, avranno saputo catturare. E vogliamo rendere omaggio alle loro opere attraverso il calendario istituzionale dell'Amministrazione Comunale».

Locorotondo, 29 agosto 2018

BARI, da settembre: "Game Changers", per combattere bullismo, cyberbullismo, dipendenze e ludopatie minorili

Stampa

Partiranno a settembre le attività di "Game Changers - Giocare di ruolo per combattere bullismo, cyberbullismo, dipendenze e ludopatie minorili", uno dei progetti finanziati dall'assessorato al Welfare attraverso i fondi del 5x1000, rivolto ai minori di età compresa tra i 13 e i 16 anni.

Il progetto, gestito dalla Cooperativa Sociale C.A.P.S. con il supporto tecnico dell'associazione culturale TouPlay, intende non solo incidere su specifici comportamenti a rischio sotto l'aspetto sanitario e sociale ma anche promuovere il protagonismo dei ragazzi per sviluppare la loro consapevolezza e competenza, affinché diventino promotori del loro stesso benessere all'interno della scuola e del territorio.

In particolare "Game Changers" rappresenta una proposta innovativa fondata sul gioco di ruolo e prevede percorsi in cui i ragazzi saranno coinvolti a 360 gradi, sia con attività manuali sia con attività di recitazione e drammatizzazione nei Larp (giochi di ruolo dal vivo).

Da settembre a dicembre il progetto si svolgerà in due fasi. Nella prima si attiveranno 2 laboratori composti da gruppi di 10 ragazzi ciascuno, uno presso la "Casa delle Culture", in via Barisano da Trani al San Paolo, l'altro a Spazio 13, in via Colonnello de Cristoforis al Libertà. Ciascun laboratorio avrà la durata di 18 ore.

Una seconda fase riguarderà le scuole fino a coinvolgere 120 ragazzi, gruppi-classe di alunni del terzo anno delle scuole medie e del biennio delle scuole superiori. Gli studenti saranno impegnati, attraverso un vero e proprio gioco di ruolo, alla scoperta della Bari Ignota, intrisa di luoghi, storie e misteri della nostra terra. Le attività proposte dall'equipe di lavoro saranno volte, tramite giochi di simulazione e attività di drammatizzazione, all'implementazione di condotte virtuose di mutuo aiuto, al fine di prevenire comportamenti di tipo disfunzionale quali bullismo, cyberbullismo, dipendenze e ludopatie.

Per iscrizioni e adesioni scuole è possibile contattare l'Assessorato al Welfare allo 080.5772503, scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare le singole realtà proponenti.

Veicolo strategico di questo percorso, in entrambe le fasi, è il gioco di ruolo, un vero e proprio incubatore di apprendimento di alta accessibilità capace di coinvolgere, nella sua versione live, tutti i sensi, di allenare la consapevolezza emozionale, di affinare le competenze trasversali funzionali a risolvere le situazioni di "crisi" che si presentano, di consentire ai partecipanti di sperimentare e sperimentarsi in un contesto protetto, aumentando la self-efficacy.

"Questo progetto - commenta l'assessora al Welfare Francesca Bottalico - si inserisce in un ampio programma avviato dall'assessorato in rete con il Dipartimento delle Dipendenze, che ha visto la creazione, nel mese di luglio, di una rete stabile di realtà impegnate sul contrasto alle nuove e vecchie dipendenze attraverso la programmazione di numerose iniziative di prevenzione, formazione e sostegno per minori e adulti coinvolti nei circuiti delle dipendenze, e il sostegno alla rete familiare e sociale attraverso gruppi di ascolto e sostegno psicologico.

Game Changers rappresenta una delle cinque azioni dedicate all'area della prevenzione, e vuole stimolare la crescita delle capacità personali e relazionali degli adolescenti sulla scia del successo registrato lo scorso anno con un progetto analogo realizzato in favore dei minori coinvolti in circuiti penali ospiti della comunità Ciccholino.

Grazie ai proventi del 5x1000 dei cittadini baresi, con questi 5 progetti riusciremo a coinvolgere complessivamente 540 minori cominciando dai 140 di Game Changers, mentre è confermato il lavoro di prevenzione realizzato quotidianamente dall'unità di strada Care for People nelle piazze e nei luoghi di aggregazione giovanile con attività di ascolto e orientamento che possono rappresentare punti di riferimento e prevenzione socio-sanitaria anche nei luoghi informali di vita dei ragazzi, specie nelle ore notturne.

Da settembre, inoltre, saranno attivi spazi di ascolto sociale, psicologico e legale presso le scuole di ogni ordine e grado e i centri sociali territoriali che ne faranno richiesta, così che la nostra rete di prevenzione e sostegno per i minori e le persone vulnerabili sia sempre più capillare".

Per ulteriori informazioni sul progetto: 080 5370000.

CAPURSO - per la Madonna del Pozzo danza aerea e luci multimediali per la notte magica del 25 agosto

Stampa

300Per la città di Capurso il 25 agosto sarà una notte magica. Danza aerea, musica, luci multimediali coloreranno il Sagrato della Basilica Reale. In occasione dei festeggiamenti della Madonna del Pozzo sabato 25 agosto dalle ore 22.30 (in replica alle ore 23.30) Capurso ospiterà “Un pozzo di storia e arte” spettacolo diretto da ResExtensa compagnia di danza di Elisa Barucchieri.

Un evento magico e senza precedenti, per Capurso, che proietterà lo spettatore in un mondo fatato, fatto di luci colorate riflesse sulle mura della Basilica, il tutto mentre i danzatori volteggiano nell'aria creando magiche coreografie aeree. 

 

Da sempre i devoti della Madonna del Pozzo di Capurso, patrona della cittadina barese e ex patrona del Regno delle Due Sicilie, sono spesso anche devoti a San Nicola, patrono di Bari e Santo venerato da diversi culti cattolici in tutto il mondo. In diverse chiese addirittura i due santi appaiano l’uno a fianco dell’altro e in occasione del pellegrinaggio dall’uno i pellegrini fanno tappa anche nel santuario dell’altro, complice anche la vicinanza tra le due città.

Non c’è da stupirsi quindi se Elisa Barucchieri, già direttrice artistica delle edizioni 2017 e 2018 del corteo storico dedicato al patrono di Bari sia anche la regista di un nuovo progetto artistico che fonde fede e storia, arte ed emozioni in un unico spettacolo realizzato sul sagrato della Basilica Reale a Capurso”.

Lo spettacolo, fortemente voluto dall’amministrazione comunale e dalla Diocesi, vuole essere un tributo ad un luogo e ad una icona mariana tra le più importanti nel mondo e vuole diventare un appuntamento fisso, da ripetersi, per raccontare la storia e la devozione di Maria in Puglia, ma soprattutto per dare un valore turistico aggiunto e far conoscere attraverso le diverse forme d’arte l’importanza del santuario e la città di Capurso.

E’ una grande occasione per comunicare con linguaggi diversi l’importanza di valori fondamentali – dichiara Elisa Barucchieri – la Madonna del Pozzo, protettrice dei Malati e di chi ha speranza, è una devozione che dura secoli. Il nostro spettacolo -aggiunge Elisa Barucchieri – è un’occasione per creare sinergie con il territorio, la nostra compagnia sta lavorando con i giovani e con tutto l’indotto cittadino avvicinandolo ad un mondo di emozioni come quello della danza e della tecnologia; mentre per i nostri danzatori - conclude la Barucchieri - è un’occasione importante per vivere con occhi e orecchie nuovi i racconti della tradizione della Madonna del Pozzo e della sua rituale religiosità.”

Un Pozzo di Storia ed Arte”, questo il titolo dello spettacolo che Elisa Barucchieri assieme a tutti i danzatori di ResExtensa Dance Company, compagnia da lei fondata e diretta, realizzeranno danzando in volo davanti alla facciata della Basilica Reale, opportunamente illuminata dal disegno luci realizzato per l’occasione dal light designer Stefano Limone.

Inoltre, assieme allo stormo di angeli danzanti di ResExtensa, continua la collaborazione con Leandro Summo per una ulteriore sorpresa per i visitatori di Capurso, una videoproiezione in morphing che interesserà la facciata della Basilica dedicata a "I Volti di Maria".

E per chi il 25 agosto non potesse essere a Capurso, nessun problema il giorno dopo altre emozioni firmate da Elisa Barucchieri attendono i visitatori…

 

 

Media Partner dell’iniziativa La Gazzetta del Mezzogiorno, Capurso Web Tv e Improntaeventi; Sponsor tecnici Engie e Logica.

 

Per informazioni e contatti @ResExtensa Dance Company – Tel. 3478862639 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Elisa Barucchieri – danzatrice, coreografa, direttrice artistica.

Lauree Magna cum Laude in danza e antropologia in USA, è fondatrice di ResExtensa, compagnia di danza riconosciuta MiBACT e Regione Puglia.

Danzatrice, assistente e traduttrice per Susanne Linke, Carolyn Carlson e Malou Airaudo, Artist in Residency, University of Michigan, collabora con Universiteti i Artit, Tirana. Oltre a ResExtensa, ha danzato per Jacques Heim, David Zambrano, Andrea Olsen, Nikos Lagousakos, e ha lavorato con Roberto Castello e Peter Greenaway, Amy Chavasse, Helen Simoneau.

Coreografa per Armando Pugliese, Sonia Bergamasco, Paolo Genovese, Elena Sofia Ricci, Stefano Mainetti.

E' la prima donna nella storia ad essere chiamata come direttrice artistica per il Corteo Storico di San Nicola, Bari.

Con Studio Festi e BalichWS è coreografa e danzatrice in eventi quali Olimpiadi di Torino, Anno della Cultura a Pechino e Rio de Janeiro, Agorà dei Giovani per Papa Benedetto XVI, Progetto Aqua in Kenya. Ha collaborato con La Fura dels Baus.

Ha danzato e coreografato in Italia, Stati Uniti, Cina, Norvegia, Inghilterra, Francia, Spagna, Olanda, Belgio, Germania, Svizzera, Austria, Turchia, Russia, Kenya, Brasile, Slovenia, Albania, Croazia.

E' ideatrice dello spazio di formazione e produzione PolArtis a Giovinazzo (BA), con ResExtensa è stata unica compagnia di danza a dirigere un teatro pubblico nel premiato progetto "Teatri Abitati", fondi PO FESR a cura della Regione Puglia.

 

 

Capurso, 24 Agosto 2018

Ufficio Stampa – Giulia Murolo

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

349.5283664

Database comuni

E' online il nuovo database dei comuni pugliesi, consultabile su due livelli accesso: pubblico e avanzato. Per accedere alla versione avanzata è necessario essere iscritti.

Accedi all'area

Effettua il login

Per accedere a tutti i servizi avanzati del sito, è necessario effettuare la registrazione. L'attivazione dell'account verrà eseguita da un nostro addetto, nel più breve tempo possibile.

Effettua il login - Registrati

Collabora al sito

Inviateci testi ed immagini riguardanti i vostri comuni, eventi e manifestazioni, il nostro team provvederà a pubblicarli sul nuovo sito.  L'indirizzo email a cui inviare le notizie è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sei qui: Home News Notizie dai comuni