Anci Puglia

Scuola: Pubblicato elenco MIUR beneficiari fondi palestre. Finanziati interventi dei Comuni di Galatina, Noicattaro e Polignano a mare

Stampa

 Per la Puglia ammessi a finanziamento i progetti dei Comuni di Galatina, Noicattaro e Polignano a mare

 Il MIUR  ha reso  disponibile l’elenco dei  93  interventi per la costruzione di nuove palestre e per la messa in sicurezza di quelle esistenti destinatari dei 50 milioni di euro stanziati dal Ministero nell’ambito della programmazione triennale nazionale per l’edilizia 2018-2020. Tra questi, tre interventi interessano i Comuni pugliesi di Galatina, Noicattaro e Polignano a mare, per un finanziamento complessivo di € 3.339.519,21. L’avviso pubblico era  stato pubblicato lo scorso 13 dicembre. Dei  progetti che  hanno  ottenuto il finanziamento:  77  riguardano la messa in sicurezza delle strutture esistenti, soprattutto dal punto di vista antisismico, i restanti 16 prevedono la realizzazione di nuovi edifici.

Dl Sicurezza I sindaci da Conte, Decaro: “Accolte le nostre richieste, ora ci sarà confronto tecnico”

Stampa
(Anci Nazionale) "Il governo predisporrà circolari esplicative che integreranno e chiariranno alcune norme sulle quali i sindaci avevano sollevato delle perplessità. Abbiamo chiesto interpretazioni sul merito, trovando una grande disponibilità del presidente Conte. Ora il confronto proseguirà sul piano tecnico”. Lo ha detto il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, al termine dell’incontro con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Palazzo Chigi, al quale hanno partecipato il vicepresidente vicario dell’associazione, Roberto Pella, il presidente del Consiglio nazionale, Enzo Bianco, il vicepresidente e sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, il delegato all’Immigrazione e sindaco di Prato, Matteo Biffoni e i sindaci di Torino, Chiara Appendino, Treviso, Mario Conte, e Chiuduno, Stefano Locatelli.
La delegazione di sindaci ha portato quattro proposte, condivise in sede di comitato direttivo, lo scorso 10 gennaio, per precisare il decreto sicurezza negli aspetti dubbi, sollevati dagli amministratori locali. “Abbiamo chiesto e ottenuto che vengano comunicati ai Comuni i nomi delle persone nel sistema di accoglienza che ora saranno domiciliate e non più residenti, al fine di poter programmare i relativi servizi – continua Decaro -. Inoltre sarà resa uniforme su tutto il territorio nazionale la presa in carico sanitaria dei richiedenti asilo. Abbiamo sollecitato il governo a inserire nel circuito di accoglienza i cosiddetti ‘vulnerabili’, famiglie con minori, donne incinte, persone con disagio psichico, alle quali comunque andrebbero garantiti servizi, e infine abbiamo chiesto maggiori risorse per i minori stranieri non accompagnati ".
Di “incontro positivo” hanno parlato il sindaco di Treviso e il sindaco di Chiuduno che all’uscita da Palazzo Chigi hanno riferito: “L’Anci ha portato sulla scrivania del premier alcune proposte l’esecutivo si è mostrato ancora una volta vicino ai territori, prestando ascolto alle segnalazioni e ai suggerimenti, molti dei quali già presi in considerazione dal governo stesso”. Esprime soddisfazione anche la sindaca di Torino, Chiara Appendino. “E’ stato un incontro molto positivo e pragmatico, con grande dialogo nel merito dei problemi dei sindaci – ha dichiarato -, abbiamo esaminato alcune proposte sulle circolari attuative su alcuni punti su cui del resto già il governo stava discutendo”.
Esprime soddisfazione per il “clima disteso e collaborativo che il presidente del Consiglio Conte ha, ancora una volta, mantenuto nei confronti dell’Anci e per il pragmatismo che ha contraddistinto il dialogo tra sindaci e governo” anche Pella. Il vicepresidente vicario rimarca: “La volontà di chiarezza e di gestione al meglio dell’integrazione e del fenomeno migratorio, per quando ricade nelle funzioni dei primi cittadini è stato il principio guida con cui ci siamo presentati all'incontro. Per questo sono certo che, attraverso le circolari esplicative e le informative, ogni richiesta che abbiamo espresso troverà la soluzione tecnica adeguata”. Di “attenzione del governo ai sindaci e all’Anci”, parla Di Primio. “Le integrazioni, i chiarimenti che il presidente del Consiglio ha dichiarato voler fare sul decreto consentiranno anche a noi di applicarlo puntualmente, senza che questo voglia dire compromettere i diritti di alcuno”.
Anche per Bianco l’incontro è stato positivo. “L’Anci unita , sotto la guida del presidente Decaro, ha chiesto e ottenuto l’impegno ad affrontare e risolvere rilevanti aspetti del decreto sicurezza che hanno un forte impatto sui Comuni. Un approccio pragmatico, fermo restando che ogni amministratore locale ha le sue posizioni politiche, che ha registrato piena sintonia con la disponibilità del  premier. È utile sedersi attorno ad un tavolo, quando si ha la disponibilità ad ascoltare le ragioni degli altri. Come è - o dovrebbe essere- naturale quando si hanno responsabilità istituzionali tanto più se particolarmente delicate”.
Infine il delegato all’Immigrazione Biffoni ricorda che tutto nasce da perplessità legittimamente sollevate dai sindaci. “Questo incontro dimostra che le preoccupazione dei sindaci erano ragionevoli. Si è provato a dare soluzione almeno per gli aspetti più complicati. Il presidente del Consiglio ci ha ascoltati e ha promesso interventi a breve. Noi teniamo alta l’attenzione”. 

Emergenza Xylella: I sindaci pugliesi alla manifestazione di Monopoli

Stampa

Sindaci e amministratori comunali pugliesi, con il presidente dell' Anci regionale Domenico Vitto, alla manifestazione odierna di Monopoli per combattere l'avanzare incontrastato della Xylella che sta devastando milioni di ulivi; per dare voce ai territori, per salvaguardarli in termini economici, ambientali e paesaggistici. Situazione gravissima che non consente ulteriori deroghe e attese rispetto alla necessità di mettere in campo ogni utile iniziativa per contrastare efficacemente l'avanzare del contagio della Xylella e attivare ogni forma di sostegno al comparto olivicolo pugliese duramente colpito da una forte crisi. Si può vincere questa battaglia solo tutti insieme passando dal sentire individuale al sentire collettivo, attraverso azioni sinergiche di corretta Informazione, capillare comunicazione, attività di prevenzione, ferrea e totale applicazione delle misure di contenimento. Anci Puglia, in linea con tutti gli enti e associazioni promotori della manifestazione, ritiene indispensabile:
• Affermare le ragioni della Scienza e sosteniamo le attività di Ricerca.
• Rinnegare, contrastare ed isoliamo la disinformazione organizzata, il negazionismo ed il complottismo corresponsabili del disastro.
• Aiutare gli amministratori e gli uffici regionali competenti nelle attività di monitoraggio, applicazione e controllo delle misure di contenimento obbligatorie.
• Importante il forte coinvolgimento e l'impegno delle Amministrazioni locali nelle attività di Informazione e Prevenzione, coordinamento e controllo delle misure di contenimento.
• Una maggiore responsabilità, sinergia, coraggio e determinazione della politica tutta e delle istituzioni nonché adeguate risorse umane e finanziarie per poter combattere l'epidemia, tutelare il paesaggio ed aiutare le attività produttive a sopravvivere e ripartire.
• Maggior impegno di media, organi di stampa, artisti ed uomini dello spettacolo nel far corretta informazione, selezionando e verificando le fonti, evitando sensazionalismi, derive antiscientifiche e complottiste.

Welfare: Riparto 2018 del Fondo nazionale politiche sociali

Stampa

Anci comunica che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto di riparto 2018 del Fondo Nazionale Politiche Sociali, oggetto dell’intesa in Conferenza Unificata del 31 ottobre 2018. Il provvedimento adotta il Piano sociale nazionale per il triennio 2018-2020, approvato dalla Rete della protezione e dell’inclusione sociale il 15 ottobre 2018. Il Decreto provvede a ripartire 275,9 milioni di euro, di cui 266,7 milioni destinati alle Regioni. Le risorse devono essere impiegate per non più del 60% per il finanziamento generale del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali e per almeno il 40% in interventi e servizi destinati all'infanzia e all’adolescenza. Il testo del Decreto ha recepito, all’art. 2 comma 2, l’emendamento presentato dall’Anci in Conferenza Unificata, relativo alla previsione del termine massimo di 60 giorni per il trasferimento delle risorse dalle Regioni ai Comuni/Ambiti.

Vai al Decreto di riparto 2018 del Fondo Nazionale Politiche Sociali

Legge bilancio: Pubblicato decreto che assegna ai Comuni fino a 20mila abitanti contributi per messa in sicurezza opere pubbliche

Stampa

Si comunica che è stato pubblicato dal Ministero dell'Interno il decreto che assegna ai Comuni fino a 20000 abitanti i contributi di cui alla legge di bilancio 2019. Nel rinviare alla nota di lettura dell’Anci l’approfondimento tecnico sulle disposizioni in oggetto, si segnala in particolare che, tutti i Comuni beneficiari del contributo potranno procedere agli affidamenti degli appalti di lavori, con le seguenti modalità:

1) per importi fino a 40mila euro con affidamento diretto anche senzaprevia consultazione di due o più operatori economici;
2) per importi pari o superiori a 40 mila euro e sino a 150 mila euro tramite affidamento diretto previa consultazione, se esistenti, di tre operatori economici; 
3) per importi pari o superiori a 150 mila euro e inferiori a 350mila euro, mediante procedura negoziata, previa consultazione, sempre ove esistenti, di almeno 10 operatori economici.
Va ricordato che, per tali affidamenti, non sussiste l’obbligo di aggregazione e dunque i Comuni possono procedere autonomamente come previsto dall’articolo 37 comma 1 del Codice Appalti. Possono conseguentemente anche realizzare i lavori in amministrazione diretta.

Affidamenti in house: Le questioni sull'affidamento di cui al codice dei contratti e al Testo Unico delle società partecipate rimesse alla Corte di giustizia Ue

Stampa
(Anci nazionale) Il Consiglio di Stato sez. V con l'Ordinanza, 7 gennaio 2019, n. 138 ha rimesso alla Corte di giustizia le questioni di compatibilità con le direttive europee, le norme nazionali sull’affidamento in house di cui all'art. 192, comma 2, del Codice dei contratti (d. lgs. n. 50 del 2016) ed all'art. 4, c. 1, del Testo Unico delle società partecipate (d.lgs. n. 175 del 2016 smi).
In particolare le ragioni che hanno portato i giudici ad adire la Corte di giustizia europea riguardano in particolare il dubbio che le disposizioni del diritto interno, nel subordinare gli affidamenti in house a condizioni aggravate e a motivazioni rafforzate rispetto alle altre modalità di affidamento, siano autenticamente compatibili con le pertinenti disposizioni e princìpi del diritto primario e derivato dell’Unione europea.
Infatti, l’art. 192, comma 2, del Codice degli appalti pubblici (d. lgs. n. 50 del 2016) impone che l’affidamento in house di servizi disponibili sul mercato sia assoggettato a una duplice condizione, che non è richiesta per le altre forme di affidamento dei medesimi servizi (con particolare riguardo alla messa a gara con appalti pubblici e alle forme di cooperazione orizzontale fra amministrazioni):  i) consente tali affidamenti soltanto in caso di dimostrato fallimento del mercato rilevante;  ii) impone comunque all'amministrazione che intenda operare un affidamento in regìme di delegazione interorganica di fornire una specifica motivazione circa i benefìci per la collettività connessi a tale forma di affidamento. Ciò, secondo i Giudici parrebbe ledere il principio di libera amministrazione delle autorità pubbliche e i principio di sostanziale equivalenza fra le diverse modalità di affidamento e di gestione dei servizi di interesse delle amministrazioni pubbliche sancito dalle Direttive dell'UE.
Parimenti, il Consiglio di Stato nutre dubbi  sull’art.4, comma 1, del Testo unico sulle società partecipate, ai sensi del quale “le amministrazioni pubbliche non possono, direttamente o indirettamente, costituire società aventi per oggetto attività di produzione di beni e servizi non direttamente necessarie per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali, né acquisire o mantenere partecipazioni, anche di minoranza, in tali società”.
Il particolarissimo schema della partecipazione societaria che si configura come organismo ‘in house’ per alcune amministrazioni pubbliche e come organismo ‘non-in house’ per altre amministrazioni pubbliche non sembra in contrasto con il diritto comunitario. Il collegio ritiene tuttavia che, in ragione di ciò, vada verificata la conformità fra il diritto dell’UE (in particolare, fra l’art. 5 della Direttiva 2014/24/UE), che ammette il controllo analogo congiunto nel caso di società non partecipata unicamente dalle amministrazioni controllanti e il citato art. 4, comma 1 (diritto interno) che appare non consentire alle amministrazioni di detenere quote minoritarie di partecipazione in un organismo a controllo congiunto, neppure laddove tali amministrazioni intendano acquisire in futuro una posizione di controllo congiunto e quindi la possibilità di procedere ad affidamenti diretti in favore dell’organismo pluripartecipato. 

Distribuzione del gas: L’Autorità aggiorna i valori di riferimento degli indici 2017 e 2018 per le verifiche sugli scostamenti VIR-RAB

Stampa

Pubblichiamo la Determina n. 15/2018 - DIEU del 28 dicembre 2018, dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), inerente “Aggiornamento, per gli anni 2017 e 2018, dei valori di riferimento per il calcolo degli indici di cui all’allegato A della deliberazione 414/2014/R/gas, rilevanti ai fini delle verifiche degli scostamenti tra VIR e RAB” ed il relativo Allegato, contenente i valori di riferimento per il succitato calcolo.

Xylella: Domenica 13 gennaio Manifestazione a Monopoli

Stampa

L' ANCI Puglia promuove e sostiene l'iniziativa prevista per il 13 gennaio 2019 alle ore 10, partenza corteo da Cala Pantano (stazione servizio Agip) per poi raggiungere Piazza Vittorio Emanuele.
La gravità della situazione non consente ulteriori deroghe e attese rispetto alla necessità di mettere in campo ogni utile iniziativa per contrastare efficacemente l'avanzare del contagio della Xylella e attivare ogni forma di sostegno al comparto olivicolo pugliese duramente colpito da una gravissima crisi. L'Associazione dei Comuni pertanto, invita sindaci e amministratori comunali a partecipare con fascia tricolore, alla manifestazione di Monopoli, Domenica 13 gennaio prossimo, per dare voce ai territori, per salvaguardarli in termini economici, ambientali e paesaggistici.
La terribile epidemia di xylella, falcidiando l'economia delle produzioni olivicole e vivaistiche, violentando il paesaggio e l'identità culturale delle popolazioni Salentine via via interessate, è giunta nella Provincia di Bari. Senza voler necessariamente trovare dei colpevoli è però indispensabile individuare cosa sia fallito o mancato in questi anni per un indispensabile cambio di passo nell'attività di contrasto all'epidemia, di tutela del territorio, di protezione ed aiuto alle aziende, ai frantoi, alle attività agricole danneggiate o minacciate.

Leggi tutto: Xylella: Domenica 13 gennaio Manifestazione a Monopoli

Dl Semplificazioni: Gli Emendamenti Anci inviati alla Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato

Stampa

Pubblichiamo gli emendamenti ANCI inviati  nelle commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato in merito al ddl AS 989 di conversione del decreto legge 14 dicembre 2018, n, 135, recante “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione”.

Vai agli emendamenti 

Legge di Bilancio 2019: La nota di lettura Anci Ifel sulle norme di interesse per enti locali

Stampa

Disponibile on line la nota di lettura Anci- Ifel sulle sulle norme di maggiore interesse per gli Enti locali contenute nella Legge di Bilancio 2019. 

Ministero Istruzione - Rimborsi Tarsu e mensa per l’anno 2018

Stampa
Il Ministero dell’Istruzione ha comunicato all’Anci l’avvenuta erogazione, nello scorso mese di dicembre, delle risorse finanziarie relative ai contributi per i pasti degli insegnanti e per la TARSU delle scuola statali dell’anno 2018. 
Le risorse TARSU sono state ripartite sulla base della delibera della Conferenza Stato–città ed autonomie locali dell’ 8 novembre 2018, di attuazione, per il 2018,  del punto 5 dell’Accordo della Conferenza stessa del 20 marzo 2008. Il riparto è avvenuto tenendo conto dei dati ISPRA relativi all’annualità 2015, pertanto ai Comuni che in base a tali dati risultano aver raggiunto una percentuale di raccolta pari almeno al 65%, è stata riconosciuta una percentuale aggiuntiva del 6%.  Le risorse, sia quelle spettanti a tutti i Comuni ripartite in proporzione alla consistenza della popolazione scolastica , sia quelle aggiuntive per i  Comuni che hanno raggiunto la percentuale minima di raccolta differenziata, sono state erogate dal MIUR direttamente ai Comuni.
Sempre con comunicazione del Miur sono state erogate a favore dei Comuni le risorse finanziarie quale contributo per il pagamento della mensa del personale scolastico statale. I contributi sono assegnati direttamente ai Comuni, secondo le modalità e i criteri di cui al comma 41, art.7 della legge 135/2012.
I Comuni potranno verificare l’effettivo e corretto trasferimento delle risorse consultando la Tabella contributi MENSA insegnanti 2018 e la Tabella contributi TARSU 2018 .

CRISI COMPARTO OLIVICOLO: Dopo mobilitazione Gilet arancioni Bari, martedì 8 gennaio, incontro a Roma tra delegazione Coldiretti e Ministro Centinaio - Domenica 13 gennaio a Monopoli manifestazione Anci Puglia su Xylella

Stampa

Molti i sindaci e gli amministratori comunali pugliesi presenti alla mobilitazione dei Gilet arancioni svoltasi oggi in Piazza prefettura a Bari. Anci Puglia ribadisce il pieno sostegno dei Comuni e dei territori all'intero comparto olivicolo pugliese che in questo momento vive la sua peggiore crisi, una fatale e nefasta congiuntura tra xylella fastidiosa e gelata di fine febbraio 2018, hanno nei fatti piegato l'olivicoltura pugliese. L'Associazione dei Comuni sostiene e condivide le iniziative tese ad attivare immediate misure straordinarie di sostegno reddituale e colturale per le imprese del comparto. Domani, martedì 8 gennaio, dalle ore 9,30 a Roma in via XX Settembre, davanti Ministero delle Politiche Agricole, manifestazione "Salvaolio" di Codiretti, con incontro tra delegazione guidata dai presidenti nazionale e regionale Coldiretti e il Ministro Gian Marco Centinaio, per affrontare l'emergenza, e trovare soluzioni allo stato di gravissimo disagio degli olivicoltori. Domenica 13 gennaio prossimo a Monopoli, alle ore 10, in Piazza Vittorio Emanuele, Anci Puglia promuove e organizza una manifestazione sull'avanzare incontrastato della Xylella fastidiosa.

Crisi olivicola: 7/01 i Comuni a Bari a mobilitazione Gilet arancioni. Domenica 13/01 a Monopoli manifestazione Anci su Xylella

Stampa

Continua il sostegno Comuni e dei territori al comparto olivicolo pugliese, Anci Puglia ha invitato sindaci e amministratori comunali a partecipare con fascia tricolore, alla mobilitazione che si terrà lunedì 7 gennaio p.v. a Bari, alle ore 10 in Piazza Prefettura. Gelate, Xylella, siccità e calamità hanno flagellato l'olivicoltura e l'agricoltura in generale, settori trainanti dell’economia regionale. Il 7 gennaio tutte le più importanti organizzazioni di settore, insieme, spogliandosi della propria identità e vestendo solo un simbolico gilet arancione, scenderanno in piazza per rivendicare interventi seri e concreti per il settore olivicolo pugliese.

Nei giorni scorsi l'Associazione dei Comuni pugliesi, presieduta dal sindaco di Polignano Domenico Vitto, ha diffuso un documento per l'immediata attivazione di misure straordinarie di sostegno colturale e reddituale alle imprese del comparto. In questo particolare momento di gravissima crisi, tutti gli attori istituzionali devono attivarsi pretendendo l’attenzione del Governo, delle Camere, della Regione Puglia, per mettere in campo azioni e iniziative legislative tese a ottenere la declaratoria al reperimento di risorse finanziarie e altre misure straordinarie affinché il comparto olivicolo, possa tornare immediatamente alla normalità ed alla sua capacità produttiva.

La mobilitazione dei Comuni pugliesi prosegue anche sulla gravissima questione che riguarda l'avanzare incontrastato della Xylella, con la manifestazione promossa e organizzata da Anci Puglia per domenica 13 gennaio 2019, alle ore 10 a Monopoli, in Piazza Vittorio Emanuele.
 
Bari, 5 gennaio 2019

Database comuni

E' online il nuovo database dei comuni pugliesi, consultabile su due livelli accesso: pubblico e avanzato. Per accedere alla versione avanzata è necessario essere iscritti.

Accedi all'area

Effettua il login

Per accedere a tutti i servizi avanzati del sito, è necessario effettuare la registrazione. L'attivazione dell'account verrà eseguita da un nostro addetto, nel più breve tempo possibile.

Effettua il login - Registrati

Collabora al sito

Inviateci testi ed immagini riguardanti i vostri comuni, eventi e manifestazioni, il nostro team provvederà a pubblicarli sul nuovo sito.  L'indirizzo email a cui inviare le notizie è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sei qui: Home News