Piccoli Comuni – Anci: Ok Dpcm su risorse Aree interne. Ora servono politiche strutturali

Lino Gentile (delegato Anci Aree interne, sindaco di Castel di Giudice, Isernia) e Massimo Castelli (delegato Anci piccoli Comuni, sindaco di Cerignale, Piacenza): “Un sostegno necessario alle attività di prossimità e alla popolazione più anziana nella pandemia da Covid19”. Il provvedimento interessa 3101 Comuni e un bacino di oltre 4 milioni di abitanti. Consulta slide Anci su Dpcm Piccoli Comuni e Aree interne

“Esprimiamo grande soddisfazione per la pubblicazione del Dpcm che concede contributi finanziari a favore delle attività economiche di prossimità che operano nei piccoli Comuni delle aree interne del Paese”. Lo dichiarano Lino Gentile e Massimo Castelli, delegati nazionali Anci rispettivamente alle Aree interne e ai piccoli Comuni, riferendosi alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale del provvedimento che stanzia 210 milioni di euro nel triennio 2020-2022 a sostegno delle attività commerciali e artigianali nelle aree interne: misure che interessano 3101 Comuni per un ‘bacino’ di oltre 4 milioni di abitanti.

“E’ una straordinaria opportunità – sottolineano Gentile e Castelli – per sostenere concretamente le imprese che svolgono servizi di utilità pubblica e di prossimità, ancora più importanti dal punto di vista sociale perché vanno incontro alle esigenze della popolazione più anziana, che ha maggiori difficoltà a spostarsi specie nella ormai lunga fase di pandemia da Covid19

“Un primo passo importante nella direzione giusta – concludono i sindaci di Castel di Giudice e Cerignale – ma per dare una svolta decisa alla ripresa delle aree interne servono politiche strutturali che Anci ha ben delineato nella cosiddetta Agenda controesodo. Da questo punto di vista, ci aspettiamo un 2021 di svolta e di rinascita dei piccoli Comuni e dell’intero Paese”.

Scarica slide Anci su Dpcm Piccoli Comuni e Aree interne

Roma, 6 dicembre 2020

Seguici: