Anci Puglia

Fasano: raccolta differenziata, "necessaria che tutti la facciano"

Stampa

È di ieri l'informativa sul servizio di raccolta dei rifiuti urbani e, soprattutto, sulla gestione a livello provinciale del conferimento in discarica di questi rifiuti provenienti dai venti Comuni del Brindisino, che l'assessore Giuseppe Angelini ha inviato a tutti i consiglieri comunali di Fasano. «Ho provveduto a farlo – chiarisce l'amministratore – poiché nell'ultimo Consiglio comunale non c'è stato tempo per una risposta complessiva sull'argomento. In ogni caso, anche sulla base delle polemiche e delle segnalazioni giunteci in queste ore sui problemi dei rifiuti e della loro raccolta in parti del nostro territorio - sottolinea Angelini – mi appello, assieme al sindaco Lello Di Bari, ai cittadini ed ai turisti ospiti a Fasano affinché si impegnino ancora di più nel differenziare i rifiuti. Abbiamo recitato un ruolo di primo piano nella nostra provincia, riguardo alla differenziata porta-a-porta, ed anche nell'intera regione Puglia, in quanto a percentuale di raccolta, e questo risultato eccezionale è stato dovuto proprio ai cittadini che hanno espresso un alto senso civico nel rispondere alla nostra campagna di sensibilizzazione sul tema, però – argomenta Angelini – adesso il momento è delicato e occorre impegnarci tutti quanti, ancora di più, nell'effettuare la raccolta differenziata, anche per evitare che maggiori quantità di rifiuti indifferenziati da conferire nelle discariche si riflettano sull'aumento dei costi di conferimento. E questo non possiamo e non dobbiamo assolutamente permettercelo».
L'assessore Angelini fa appello anche al Comando di Polizia locale affinché «svolga con ancora maggiore impegno il suo ruolo di controllo, pur con le carenze di organico. A riguardo – aggiunge – credo si possano anche ottenere risultati facendo leva sulla sinergia tra le forze dell'ordine, in maniera da rendere complessivamente più efficace l'azione di contrasto ai comportamenti scorretti. D'altra parte, anche per quanto attiene l'igiene urbana – afferma l'assessore - basta dare il segno che i controlli ci sono per avere già un buon risultato deterrente».
Angelini ha parlato di difficile situazione a livello provinciale nella gestione dei rifiuti indifferenziati nell'attuale discarica brindisina di "Formica Ambiente", dopo il sequestro della precedente discarica di Autigno effettuato dal Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri. Le difficoltà riguardano l'ipotesi che anche questa seconda discarica (nella quale confluisce il rifiuto indifferenziato di tutti i Comuni del Brindisino) possa subire la stessa sorte di Autigno (a causa dell'inquinamento eventuale della falda) e che lo spostarsi in altro sito fuori territorio brindisino (considerato che in provincia non esistono altri siti adatti) determinerebbe un aggravio notevole di costi di trasporto che andrebbe a riflettersi sui Bilanci comunali e, quindi, sulla tassa pagata dai cittadini. Allo stato c'è un conflitto di rapporti fra l'"Oga" (l'Organismo di Governo d'Ambito del quale fanno parte tutti i Comuni del Brindisino) e la "Nubile srl" (società gestrice dell'impianto di biostabilizzazione e della discarica di Autigno), per una serie di inadempienze contrattuali di quest'ultima evidenziate dai tecnici dell'"Oga" brindisino. Ma c'è un altro fronte anch'esso complesso da seguire: si tratta del rifiuto organico che il Comune di Fasano destina invece in territorio barese alla società che gestisce un impianto a Modugno, la "Tersan", la quale, per questione di nodi autorizzativi irrisolti con l'"Oga" di Bari, potrebbe chiudere, determinando un altro grosso problema per Fasano, considerando che quotidianamente si raccolgono venti tonnellate in media di rifiuto organico che, se l'impianto barese chiudesse, non si saprebbe dove andare a conferire, tanto più che la situazione degenererebbe a causa delle alte temperature climatiche di questi giorni che si stanno registrando a Fasano. Da ciò, l'appello ai cittadini dell'assessore Angelini e del sindaco Di Bari ad impegnarsi ancora di più nell'effettuare un'adeguata raccolta differenziata dei rifiuti.

Censimento Giardini Pubblici Storici della Puglia

Stampa

Il progetto Giardini Pubblici storici della Puglia si propone di proseguire il lavoro - senza soluzione di continuità - fino al completamento della schedatura dei 103 giardini pubblici identificati nella fase di ricerca iniziale.
Facciamo quindi appello alle amministrazioni locali, a studiosi o semplici cittadini armati di entusiasmo, competenza e buona volontà perchè, utilizzando la scheda-tipo compilabile qui disponibile, collaborino alla prosecuzione del lavoro finora svolto.
Ulteriori contributi pubblici e privati permetteranno, grazie all'instancabile impegno dei volontari di Italia Nostra, la prosecuzione del progetto, con l'estensione della schedatura e la realizzazione di ulteriori documentazioni multimediali.

 

 

 

 

Inviare la scheda compilata al seguente indirizzo e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."> Scheda Compilabile Giardini Storici

 

Resoconto incontro "Cantieri e laboratori locali per l'efficienza energetica"

Stampa

Nell'incontro organizzato dall'ANCI Nazionale svoltosi a Bari il 23 giugno presso la Sala Auditorium della Polizia Municipale sono stati affrontati i temi dell'efficienza energetica. Come da programma che si allega, dopo i saluti iniziale da parte dell'Amministrazione Locale, sono intervenuti: Giada Maio, Luisa Abrigo, Roberto De Lieto Vollaro, Emiliano Carnielo, Marco Frascarolo, Luca Cerra. I lavori sono stati suddivisi in tre filoni tematici:
- contratti EPC e PPP
- efficienza energetica edifici pubblici
- efficienza energetica pubblica illuminazione

Programma

ANCI Modello di Calcolo

Energy Report

Meccanismi assegnazione gare illuminazione urbana

POI_ANCI

Presentazione L.Abrigo

Tabella Comparativa

Molfetta: la creazione di un’isola ecologica per i rifiuti

Stampa

Un progetto finanziato con fondi europei permetterà la messa in sicurezza degli ormeggi delle imbarcazioni, la creazione di un'isola ecologica per i rifiuti, impianti di fornitura di acqua e un abbattitore di temperatura per il mercato ittico. Il sindaco: "La pesca è un settore vitale della nostra economia vogliamo migliorare e rilanciare"
Lavori di ammodernamento delle banchine del molo San Michele per migliorare la sicurezza delle operazioni di sbarco o carico, realizzazione di impianti per la fornitura di acqua, un abbattitore di temperatura per il mercato ittico, un centro raccolta rifiuti differenziati per i pescherecci e la ristrutturazione servizi igienici sulla banchina San Domenico. "I lavori sono partiti. La prima area di cantiere è stata aperta sulla banchina e seguiranno le prossime con l'arrivo dei parabordi per i pescherecci e i lavori per migliorare l'impiantistica", spiega l'assessore alle opere pubbliche Giovanni Abbattista.
L'importo complessivo dei lavori è di 703.491 euro, in quanto con l'aggiudicazione della gara c'è stato un ribasso d'asta del 31,8%. "Si tratta – aggiunge Abbattistadi Fondi europei per la pesca che abbiamo intercettati dal Comune sulla base di un progetto che abbiamo in parte concertato nei contenuti con gli operatori del settore ittico e del mercato. Sono tutte strutture necessarie al miglioramento della condizione di sicurezza dei pescherecci che attraccano nel nostro porto e i servizi per chi lavora nel settore".
"La pesca è un settore vitale della nostra economia – sottolinea il sindaco di Molfetta Paola Natalicchio Nonostante il ridimensionamento subito negli ultimi anni, ci sono 35 pescherecci attraccati nel nostro porto e c'è una nuova generazione di armatori che sta rilanciando e investendo anche grazie al supporto del Gac. Alcuni di loro si sono distinti e sono stati premiati anche a livello europeo per la vendita diretta del pescato attraverso Facebook e WhatsApp. Con la collaborazione dell'Asl, il Gac e le associazioni degli armatori, il Comune di Molfetta ha scritto le prime linee guida per la vendita diretta del pescato che sono state tradotte in varie lingue. E ora siamo pronti già ad aggiornarle. Con i lavori appena partiti mettiamo in sicurezza gli ormeggi delle imbarcazioni da pesca che devono fare i conti con il complicato moto ondoso creato dal nuovo porto, creiamo un'isola ecologica per i rifiuti speciali prodotti, miglioriamo i servizi portuali all'attracco delle imbarcazioni e i servizi per la commercializzazione del pescato locale all'interno del mercato ittico. Tutte misure che hanno l'obiettivo di rendere la vita facile agli operatori di un settore che vuole provare non a rottamare ma a rilanciare e innovare".

Locorotondo: pulizia dei fondi agricoli

Stampa

Con ordinanza n.45/2015 il sindaco Tommaso Scatigna:

O R D I N A
Ferme restando le disposizioni espressamente previste dall'art.59 del T.U.LL.P.S. e dal D.P.G.R. 26 Marzo 2015, n.180 (pubblicato sul B.U.R.P. n. 46 del 02-04-2015)
1. I proprietari e conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura e loro pertinenze incolti, a riposo e/o abbandonati devono eseguire entro il 15 giugno 2015, le necessarie opere di difesa passiva di prevenzione antincendio, mediante pulizia dei suddetti siti, provvedendo alla rimozione di erba secca, sterpaglie, residui di vegetazione ed ogni altro materiale infiammabile;
2. Per le infrazioni alle disposizioni previste al punto 1. della presente Ordinanza, salva ed impregiudicata l'azione penale – ove dovuta ex lege -, sarà applicata una sanzione amministrativa pecuniaria edittale da € 100,00 a € 500,00, che potrà essere estinta con le modalità previste dalla Legge n.689/81.

Le Forze dell'Ordine, il Comando del Corpo Forestale dello Stato, il Comando di Polizia Provinciale, il Comando dei VV.FF. competente per territorio, Il Comando di Polizia Locale del Comune di Locorotondo sono incaricati di vigilare sull'osservanza della presente Ordinanza.

Inoltre,
I N V I T A

I proprietari, conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura e loro pertinenze dell'intero territorio a bonificare, in collaborazione con questo Ente, i cigli stradali e/o le banchine prospicienti i predetti siti mediante rasatura, bruciatura assistita o estirpazione delle erbe e/o sterpaglie.
I cittadini, in caso di avvistamento di incendio, a contattare con sollecitudine uno dei seguenti numeri telefonici: Comando Corpo Forestale-1515, Vigili del Fuoco-115, Comando Polizia Locale Locorotondo – 080/4311090.

Fra i divieti:

Art. 7) Divieti per la bruciatura delle stoppie e dei residui vegetali
Al fine di prevenire il verificarsi di danni al patrimonio pubblico e privato e per evitare procurati allarmi, è fatto divieto di bruciatura delle stoppie e delle paglie e della vegetazione presente al termine di colture cerealicole e foraggere, nonché dei residui vegetali agricoli e forestali su tutto il territorio regionale nel periodo di validità del presente Decreto;

Art. 8) Divieto di bruciatura della vegetazione spontanea su terreni incolti e a riposo
I proprietari ed i conduttori, a qualsiasi titolo, di terreni incolti in stato di abbandono o a riposo, insistenti sul territorio regionale, hanno il divieto assoluto di bruciare la vegetazione spontanea. Hanno inoltre l'obbligo di realizzare, entro e non oltre il 31 maggio, fasce protettive o precese di larghezza non inferiore a metri quindici lungo tutto il perimetro del proprio fondo, prive di residui di vegetazione, in modo da evitare che un eventuale incendio, attraversando il fondo, possa propagarsi alle aree circostanti e/o confinanti.

Ordinanza pulizia fondi agricoli

Database comuni

E' online il nuovo database dei comuni pugliesi, consultabile su due livelli accesso: pubblico e avanzato. Per accedere alla versione avanzata è necessario essere iscritti.

Accedi all'area

Effettua il login

Per accedere a tutti i servizi avanzati del sito, è necessario effettuare la registrazione. L'attivazione dell'account verrà eseguita da un nostro addetto, nel più breve tempo possibile.

Effettua il login - Registrati

Collabora al sito

Inviateci testi ed immagini riguardanti i vostri comuni, eventi e manifestazioni, il nostro team provvederà a pubblicarli sul nuovo sito.  L'indirizzo email a cui inviare le notizie è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sei qui: Home News Informa Ambiente